Filippo Corvini era molto conosciuto come barman. Fatale un incidente sulla Cervese
Filippo Corvini era molto conosciuto come barman. Fatale un incidente sulla Cervese

Forlì, 26 gennaio 2020 - Avrebbe compiuto 29 anni proprio oggi, Filippo Corvini. E proprio in questa data nasce l’associazione ‘Ciao Filo per non dimenticare’, promossa dai familiari e dagli amici con un obiettivo ben preciso: divulgare l’importanza della sicurezza stradale soprattutto nei giovani. Paolo Corvini, padre di Filippo, assieme ai cugini Chiara, Valentina, Matteo, Sofia, Federico e Vittorio, si ritroveranno oggi alle 19.25, l’ora in cui il ragazzo nacque nel 1991, per ricordare Filippo, in forma privata.

Il giovane morì il 12 luglio dell’anno scorso, travolto a Castiglione di Cervia in sella alla sua Harley Davidson, dove viaggiava anche la sua fidanzata, nello scontro con un’ambulanza. Una tragedia che ebbe subito una vastissima eco e suscitò tanta commozione, perché Filippo, che aveva giocato a rugby, era dipendente dell’azienda Casta, iscritto ad Architettura a Cesena e faceva il barman, era molto conosciuto. Il 3 settembre si svolse un’iniziativa per ricordarlo, al Borgo dei Guidi del Podere dei Nespoli di Civitella, cui presero parte cinquecento persone, ma avrebbero potuto essere persino di più se lo spazio fosse stato più grande. In quella circostanza furono raccolti ben 6 mila euro, già in parte devoluti alla causa che ora l’associazione intende promuovere in forma continuativa.

Come? "Organizzeremo eventi sportivi, cene, feste a tema e spettacoli teatrali – dice Paolo Corvini, che presiede l’associazione di volontariato – sempre con lo scopo di reperire fondi. L’esempio di Filippo ci dice che basta una distrazione banale per spegnere una vita, per questo occorre sensibilizzare in modo particolare chi è giovane e da poco ha preso la patente. Abbiamo intenzione di promuovere corsi di formazione, sia per chi guida l’auto che nei confronti dei ragazzi che per la prima volta hanno il patentino per condurre gli scooter".

Proprio nel corso della serata del 3 settembre, quando furono proiettate anche molte immagini di Filo, nelle sue molteplici attività, prese corpo, sostenuta da più parti, l’idea di costituire un gruppo per battersi in favore della sicurezza sulle strade. Dopo l’incontro odierno, ci saranno dunque occasioni pubbliche per poter partecipare. Intanto chi desidera iscriversi al sodalizio può spedire una mail all’indirizzo ciaofilo.odv@gmail.com. Il costo della quota annuale è di 15 euro a persona. "Ma si può contribuire anche tramite idee, proposte e iniziative", aggiunge Corvini, che ringrazia i tanti che decideranno di sostenere l’organizzazione in memoria del figlio Filippo.