Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
21 apr 2022

I vecchi soci diedero 120mila euro a Boccio Soldi bloccati? Eppure millantava 5 milioni

L’ex patron ha ‘confessato’ che le difficoltà erano chiare fin dall’inizio. Ma nel 2014 diceva altro. E gli aiuti ricevuti non bastarono

21 apr 2022
marco bilancioni
Cronaca

di Marco Bilancioni Massimiliano Boccio è riapparso. Ora – l’ha detto lui stesso, interrogato dal suo avvocato Manlio Guidazzi – soffre di cuore e di diabete. Ma ciò che ha raccontato verte sul passato. Due i concetti principali: "Avevo una doppia causa in Svizzera con una banca e una compagnia assicurativa, contenziosi che secondo i miei avvocati sarebbero andati a buon fine. Così proposi di finanziare il progetto coi soldi che avrei incassato da quelle cause, chiedendo che venissero pagate le parcelle dei miei legali svizzeri. Tutti sapevano che le mie uniche garanzie erano i proventi delle cause svizzere". Insomma: le possibilità economiche di Boccio erano trasparentemente precarie fin dall’inizio, e i vecchi soci avrebbero dovuto contribuire. Non l’hanno fatto, secondo Max. È così? Le frasi di Boccio trovano riscontri con ciò che fu detto e ciò che emerse nel convulso autunno 2014? No. Cominciamo dal patrimonio di Boccio. Il quale non si presentò certamente con la prudenza che, alla luce delle sue dichiarazioni in tribunale, sarebbe stata consigliabile. Perché, invece, Max promise un’iniezione di capitale di 5 milioni di euro. Da dove sarebbero arrivati? Dalla Chirisi-Boccio, la holding di famiglia, la quale – diceva la coppia – aveva un "capitale interamente versato di 27 milioni di euro". Ciò che Boccio non disse è che il capitale era costituito da azioni della Mbc Swiss sa: Mbc sono le iniziali di Massimiliano Boccio e Mirela Chirisi. In sostanza – secondo l’indagine della Guardia di Finanza di Forlì – i due creavano azioni e le vendevano a loro stessi. A certificare il capitale, un commercialista veneto finito poi a sua volta indagato. Ad ogni modo, Boccio promise di portare in breve Forlì non solo in serie A, ma a competere per lo scudetto e a qualificarsi per l’Eurolega, la Champions League dei canestri. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?