Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
3 giu 2022

"La Romagna è un asso Va sfruttato al massimo"

Francesco Ferro, neo eletto nella giunta dell’ente di Forlì-Cesena e Rimini "Polemiche superate, si lavora per il bene delle imprese con spirito inclusivo"

3 giu 2022
Francesco Ferro, imprenditore nel campo della comunicazione e dirigente di Cna (foto Frasca)
Francesco Ferro, imprenditore nel campo della comunicazione e dirigente di Cna (foto Frasca)
Francesco Ferro, imprenditore nel campo della comunicazione e dirigente di Cna (foto Frasca)
Francesco Ferro, imprenditore nel campo della comunicazione e dirigente di Cna (foto Frasca)
Francesco Ferro, imprenditore nel campo della comunicazione e dirigente di Cna (foto Frasca)
Francesco Ferro, imprenditore nel campo della comunicazione e dirigente di Cna (foto Frasca)

"Se la Romagna piace a tutti, dovunque si vada, perché non puntare più decisamente su queste nostre qualità?". Inizia così, con una domanda retorica, l’intervista a Francesco Ferro, dirigente Cna che da martedì scorso è uno dei 7 componenti della giunta della Camera di commercio.

Ferro, come far leva sul brand ’Romagna’ per lo sviluppo del territorio?

"Credo che il marketing territoriale abbia molte potenzialità ancora non esplorate. Tutti parlano bene della nostra terra, forse siamo noi romagnoli a non avere piena consapevolezza di questa forza".

Si impegnerà su questo aspetto?

"La prima giunta camerale si terrà martedì, gli ambiti non sono stati assegnati. Spero di portare le mie competenze e di affrontare i temi della transizione digitale e, appunto, del marketing territoriale".

Ma non ci sono già le aziende e gli enti che si occupano di turismo a presidiare questo campo?

"Il settore è già ben rappresentato, ma per marketing del territorio si intende qualcosa di più vasto. Esempio: le città d’arte e entroterra sono da valorizzare di più. Nel suo discorso d’insediamento il presidente Carlo Battistini ha detto che abbiamo una materia prima unica al mondo: i romagnoli. È verissimo, dunque utilizziamola al meglio".

Il nuovo presidente ha sostenuto di aver visto un forte desiderio di rinnovamento da parte delle associazioni: a cosa si riferiva?

"La gran parte delle associazioni ha compreso che la piccola e media impresa è la nostra spina dorsale, poi abbiamo distretti di alta qualità – nautica, mobile imbottito, calzaturiero, turismo, quindi due asset fondamentali: la Fiera di Rimini e il Polo aerospaziale di Forlì. Sono tutti fattori di innovazione".

Non si può evitare di parlare delle polemiche che hanno accompagnato il rinnovo degli organi. Come si è arrivati a Battistini?

"La scelta è di tante associazioni, penso che si sia puntato su una persona di esperienza e di equilibrio, che ha parlato fin da subito di collaborazione e gioco di squadra. Direi la persona giusta al posto giusto, anche per i modi",

Le Confcommercio di Forlì e Cesena accusano le altre associazioni della piccola e media impresa di non aver rispettato i patti: è così?

"Mi limito a dire che il patto che dobbiamo fare come rappresentanti nella Camera è sostenere le piccole e medie imprese che sono la grande maggioranza delle aziende del territorio".

Si aspetta delle appendici polemiche?

"Una volta eletti presidente, consiglio e giunta, la polemica mi pare superata".

Quanto accaduto nei mesi scorsi può influire sull’operatività degli organi della Camera di commercio?

"Il presidente Battistini lo ha già escluso pubblicamente. Da parte mia ho notato un clima ottimo fra i consiglieri e i membri di giunta. Sono molto soddisfatto, è emerso fin da subito una unitarietà di intenti".

Azioni in vista per ricomporre la frattura?

"Non so, posso solo dire che lavoreremo per il bene delle imprese con spirito di massima collaborazione e inclusività".

Fabio Gavelli

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?