Quotidiano Nazionale logo
28 apr 2022

Le storie: "Per lei rischiavo sempre di perdere il bus"

Ancora insieme dopo mezzo secolo: alcuni dei coniugi presenti raccontano la loro ricetta. "È semplice, l’importante è volersi bene"

sofia nardi
Cronaca

di Sofia Nardi

Quali sono i segreti per vivere tanti anni insieme? Giorgio Barlotti è lo storico presidente della Casa del Lavoratore di Bussecchio e presidente della Cumpagnì dla Zercia: secondo lui e sua moglie Loretta Fiumana senz’altro la formula magica sta nel condividere le passioni più forti. "Noi abitavamo vicini a Bussecchio – racconta Barlotti – e il circolo organizzava delle festicciole. Ci siamo conosciuti proprio lì. Loretta, poi, ha recitato in tante commedie dialettali di cui io ho fatto la regia. Abbiamo due figli, un maschio e una femmina, e quattro nipoti. Trascorriamo tanto tempo insieme, ma non ci annoiamo mai".

Tra le coppie premiate per i loro 50 anni di matrimonio al teatro ‘Diego Fabbri’ dal Comune di Forlì ci sono Silvana Petreti e Carlo Mariani: si sono conosciuti quando avevano rispettivamente 17 e 28 anni, ma per loro la differenza d’età non è mai stata un problema. "Quando si è giovani i cinquant’anni di matrimonio sembrano un traguardo lontano, quasi irraggiungibile, invece il tempo per noi è volato. Sembra che ci siamo conosciuti ieri, invece oggi abbiamo due figli e due nipotini e possiamo dire di aver trascorso insieme tutta la vita. L’importante è avere tanta comprensione reciproca, affetto e complicità. Bisogna sempre guardare insieme verso lo stesso traguardo".

Maria Teresa Mosconi è originaria si San Piero in Bagno, mentre suo marito Vitaliano Vitali è di Forlì centro: "Mi ha conosciuto a San Piero quando avevamo 20 anni io e 24 lui, ci siamo innamorati e poi sposati e io mi sono trasferita a Forlì. Ora abbiamo due figli. Come fare per avere un matrimonio lungo e sereno? Senz’altro servono tanta pazienza e tenacia".

Hanno due figli e due nipoti Walter Zoli e Pierina Ranalli e per loro la parola d’ordine è divertimento: "Per trascorrere tutti questi anni fianco a fianco il segreto è semplice: bisogna continuare a ridere insieme, a divertirsi per le piccole cose della vita e poi, naturalmente, è importante essere sempre pronti a darsi una mano l’un l’altro nel momento del bisogno". Emilio Chiericati è stato bancario e, per un periodo, economo della diocesi di Forlì-Bertinoro. Ha conosciuto sua moglie Anna Papi al tempo della scuola: "Entrambi studiavamo Ragioneria a Cesena – racconta lei –, io ero al primo anno e lui al quarto e lui mi accompagnava ogni giorno a casa". "A quei tempi – interviene lui – io abitavo a Mercato Saraceno e prendevo la Sita per tornare a casa da scuola. Tutti i giorni rischiavo di perderla per poter accompagnare Anna. Erano i miei compagni di scuola a cercare di aiutarmi convincendo l’autista ad aspettarmi qualche minuto in più". Oggi Anna e Emilio hanno due figli e tre nipoti. "Bisogna avere pazienza. Certo, nel corso della vita i problemi purtroppo non mancano, ma è importante sostenersi a vicenda, esserci sempre per l’altro anche nei momenti più duri. Ma alla fine la ricetta è semplice: perché il matrimonio riesca, l’importante è volersi bene".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?