Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Forlì, sono 593 i bambini non ancora vaccinati

L’Ausl scrive alle famiglie. Ecco come funziona l’iscrizione a scuola

Ultimo aggiornamento il 8 settembre 2017 alle 23:14
Da quest’anno la profilassi è obbligatoria per la scuola

Forlì, 9 settembre 2017 – Sono 593 le lettere d’invito alla vaccinazione spedite dall’Ausl Romagna alle famiglie dei bambini forlivesi nati fra il 2012 e il 2014 che non risultano in regola con le profilassi. Gli ‘idonei’ invece sono 4.185. Tutto nasce dalla legge – nota come ‘decreto vaccini’ – che impone ai genitori di sottoporre i figli i trattamenti sanitari previsti (le vaccinazioni obbligatorie sono dieci), altrimenti rischiano di non poterli iscrivere a scuola e pagare una multa. L’Ausl ha diviso i piccoli in 3 fasce, a seconda dell’età.

Le famiglie di quelli fra i 3 e i 6 anni – che dovranno frequentare la scuola materna – hanno già ricevuto le lettere per perfezionare l’iscrizione. Chi non ha vaccinato il bimbo, oppure solo in parte, si è visto recapitare un invito (con data, orario e luogo) per la vaccinazione. Tale invito è sufficiente per l’iscrizione a scuola. «Quindi le famiglie con questa fascia d’età al momento non hanno alcun obbligo di autocertificazione e non devono prendere l’appuntamento per propria iniziativa – dichiara l’Ausl Romagna – . Le misure sono state prese per andare incontro alle famiglie».

I genitori dei piccoli nati fra il 2015 e il 2017, in età da asilo nido, troveranno presto la lettera di invito con l’appuntamento, nel caso non abbiano già provveduto a effettuare le vaccinazioni previste dalla legge. Tale documento dovrà essere presentato alle scuole per procedere all’iscrizione.

Cosa accade invece ai bambini e ai ragazzi nati fra il 2001 e il 2011, un arco di tempo che spazia dalle elementari alle superiori? I tempi sono più lunghi, perché la norma concede fino al 31 ottobre per inoltrare la documentazione agli istituti scolastici, mentre gli inadempienti possono vaccinarsi fino al 1° marzo 2018.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.