Quotidiano Nazionale logo
8 apr 2022

Lo sport piange Roberto Rossi: l’allenatore aveva 50 anni

È morto mercoledì pomeriggio nella sua casa a causa di un malore, domani i funerali nella chiesa parrocchiale di Sant’Antonio

L’allenatore cinquantenne Roberto Rossi, allenava le ragazze della pallavolo dell’Ads San Cassiano
L’allenatore cinquantenne Roberto Rossi, allenava le ragazze della pallavolo dell’Ads San Cassiano
L’allenatore cinquantenne Roberto Rossi, allenava le ragazze della pallavolo dell’Ads San Cassiano

Gli oltre centotrenta ragazzi e ragazze dell’associazione Sportiva Dilettantistica San Cassiano di Predappio, che riunisce appassionati di calcio, atletica, pallavolo e danza aerea, piangono la morte improvvisa di Roberto Rossi, 50 anni, crollato a terra mercoledì pomeriggio per un malore, mentre tagliava l’erba nel giardino della sua casa nella frazione di Santa Lucia. I suoi funerali si svolgeranno domattina alle 10 nella chiesa parrocchiale di Sant’Antonio.

Roberto lavorava come operaio in una ditta di Meldola, con la sua scomparsa lascia la sorella Federica e il fratello gemello Alessandro. Il cinquantenne era molto conosciuto e amato nel mondo dello sport predappiese e non solo. Da diversi anni allenava le due squadre di pallavolo femminile, under 12 e under 14, come braccio destro di Silvia Piovaccari, presidente dell’Associazione San Cassiano.

Racconta Silvia, ancora incredula della morte improvvisa e in lacrime: "Proprio l’altra sera ero con le ragazze in piazza Sant’Antonio a Predappio, in attesa che arrivasse Roberto, per andare a Forlì a disputare una partita di campionato, quando è arrivata la sconvolgente notizia della sua improvvisa morte. Si può immaginare come siamo rimasti tutti".

Silvia racconta l’impegno, la passione e la dedizione di Roberto per lo sport e per i giovani sportivi di Predappio, "in particolare per le ragazze della pallavolo". Aggiunge Silvia: "Roberto era sempre disponibile per dare una mano a tutti. La scorsa estate fu uno dei principali animatori perfino del centro estivo per ragazzi, insieme alla parrocchia. In tanti anni di collaborazione, non l’ho mai visto entrare in palestra col muso".

E conclude: "Lascia un vuoto incolmabile nello sport di Predappio e non solo. Infatti, mi hanno chiamato tantissimi allenatori di squadre di Forlì e della Romagna per esprimerci la loro vicinanza".

La conferma di quanto l’allenatore cinquantenne fosse apprezzato e conosciuto nel mondo sportivo e non solo arriva anche dall’assessore con delega allo Sport Lorenzo Lotti: "Roberto era amatissimo dalle ragazze, perché era una persona sempre solare e presente. In tanti gli dobbiamo dire grazie per il suo grande e appassionato impegno".

Quinto Cappelli

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?