Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Meldola, serenata e nozze all’Irst. Luigi e Piera si sono sposati nel centro tumori

Il marito: "Con un sì sfidiamo il cancro di mia moglie"

di ROSANNA RICCI
Ultimo aggiornamento il 3 settembre 2018 alle 07:48
La cerimonia celebrata dal sindaco Gianluca Zattini (Foto Fantini)

Meldola (Forlì), 3 settembre 2018 - Una storia che tocca il cuore. Sabato scorso l’Irst-Irccs, il centro per lo studio e la cura dei tumori di Meldola, ha ospitato le nozze di Luigi Rocco e Maria Piera Di Piazza, dove lei è ricoverata e sta lottando contro il cancro. L’amore incrollabile fra i due, entrambi 60ennni, ha avuto origine da un colpo di fulmine scoppiato in Africa vent’anni fa. Nato a Piacenza, ma residente a Roma e direttore commerciale di un’azienda lui, originaria di Bologna, artista e commerciante lei (aveva un negozio a Terracina dove vendeva oggetti realizzati a mano). "E’ una stella che continua a brillare, oggi come allora", dice Luigi, con infinita tenerezza, della sua sposa.

La loro relazione è continuata senza alcun cedimento anche dopo le terribili traversie che Piera ha incontrato dal 2013 in poi. In seguito ad una caduta, le è stato diagnosticato un ematoma cerebrale ed è stata curata nel Lazio. Purtroppo, però, le cartilagini sono risultate compromesse, con conseguente paralisi delle gambe. Poi, nel 2017, i medici hanno trovato un tumore ai polmoni e tre metastasi nel cervello. Tante le cure: dalla radioterapia alla chemio. Un percorso difficilissimo, ma sempre, accanto a Piera, c’era Luigi che l’ha seguita e aiutata con immutato amore. Poi quest’anno la coppia ha scoperto l’Irst di Meldola. Presi i contatti col dottor Marco Burgio, il 25 luglio scorso, la coppia è giunta a Meldola e qui "dopo una radioterapia al midollo osseo – racconta Luigi – Piera sta cominciando a muovere le gambe. Ora nutriamo profonde speranze". Di qui la decisione della coppia di prendere la residenza a Forlì, dove lei ha dei parenti, e di celebrare il matrimonio all’Irst. "Grazie all’efficienza di medici, infermieri e del sindaco Gianluca Zattini di Meldola, che ha celebrato le nozze, tutti impegnati ad accelerare le pratiche e a far pervenire i documenti necessari, – continua emozionato il 60enne – alla fine il gran giorno è arrivato".

Nessuno dei due futuri coniugi ha avuto il benché minimo dubbio: l’amore così profondo ha fatto sì che Luigi, alle ore 23 del giorno precedente le nozze, sia andato vicino al letto di Piera a cantarle una splendida serenata: "Ho scelto la canzone ‘A te’ di Jovanotti, ricevendo, come dono dalla mia futura moglie, una rosa". Parenti, amici e tutto lo staff dell’ospedale sono stati presenti allo scambio degli anelli. Dolcissimo lo sguardo di Piera, innamorato più che mai si Luigi. Il loro futuro? "Vivere a Forlì in una casa tutta per noi – conclude lo sposo –, perché quella che stiamo vivendo è una nuova tappa della nostra vita".

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.