Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 mag 2022

Lutto a Sarsina: paese sconvolto dalla tragedia

Bandiere a mezz’asta fino ai funerali. Silvia e il marito erano attivi in parrocchia. "Un vuoto immenso"

22 mag 2022
Il sindaco di Sarsina Enrico Cangini, di fianco al gonfalone del paese lungo il Savio
Il sindaco di Sarsina Enrico Cangini, di fianco al gonfalone del paese lungo il Savio
Il sindaco di Sarsina Enrico Cangini, di fianco al gonfalone del paese lungo il Savio
Il sindaco di Sarsina Enrico Cangini, di fianco al gonfalone del paese lungo il Savio
Il sindaco di Sarsina Enrico Cangini, di fianco al gonfalone del paese lungo il Savio
Il sindaco di Sarsina Enrico Cangini, di fianco al gonfalone del paese lungo il Savio

È lutto cittadino a Sarsina per la scomparsa di Ugo Beltrammi e Silvia Ruscelli, i due coniugi che venerdì pomeriggio hanno perso tragicamente la vita in un incidente sulla loro Kawasaki Ninja a Trento. Nell’attesa che venga dato il nulla osta alle esequie, è stata emessa ieri dal sindaco Enrico Cangini l’ordinanza di lutto cittadino per il giorno del funerale. Fino ad allora le bandiere del municipio saranno tenute a mezz’asta. Il sindaco di Sarsina li definisce "giovani cittadini, genitori splendidi, due belle anime che hanno scelto di dedicare la loro vita al servizio della comunità".

Silvia e Ugo, che lavorava come geometra al Comune di Mercato Saraceno (coordinava protezione civile e lavori pubblici), facevano coppia fissa fin da giovanissimi. Erano entrambi molto dediditi alla vita parrocchiale, ora la comunità si è chiusa nel dolore attorno alle famiglie: le tre piccole figlie dei due coniugi, Irene di 8 anni, Marta di 13 e Giulia di 17 anni, i fratelli e sorelle delle vittime e i nonni delle bambine, a cui ora è affidato il durissimo compito di affiancare queste piccole donne rimaste senza i loro punti di riferimento più importanti: i genitori. La coppia era conosciuta e stimata da tutti in paese. "È una perdita e un trauma per tutti – spiega il presidenete della Misericordia di Sarsina, Paolo Rossi –. Estremamente generosi e altruisti si sono sempre fatti in quattro per aiutare chi aveva bisogno. Silvia, col suo ruolo di medico, ha sempre dato qualcosa in più per gli altri. Ugo era l’anima del teatro parrocchiale ‘Silvio Pellico’, che gestiva col padre. Siamo tutti in blackout da quando abbiamo appreso la notizia. Erano due persone bellissime che hanno lasciato un vuoto immenso".

I genitori di Silivia e Ugo hanno appreso la notizia nella serata di venerdì, un fulmine a ciel sereno che è stato devastante. Da quel momento l’intero paese si è stretto attorno a loro e a tutti i familiari: da venerdì sera infatti le visite degli amici e conoscenti alle famiglie delle vittime sono state incessanti e non sono mai lasciati soli.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?