Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
9 giu 2022

Mercato coperto, caccia alle nuove attività

Alcune devono ancora aprire, altre verranno assegnate con un bando. Il Comune: "Piazza Cavour dev’essere un fiore all’occhiello"

9 giu 2022
luca bertaccini
Cronaca
L’assessore al centro storico Andrea Cintorino di fronte all’ingresso del mercato coperto
L’assessore al centro storico Andrea Cintorino di fronte all’ingresso del mercato coperto
L’assessore al centro storico Andrea Cintorino di fronte all’ingresso del mercato coperto
L’assessore al centro storico Andrea Cintorino di fronte all’ingresso del mercato coperto
L’assessore al centro storico Andrea Cintorino di fronte all’ingresso del mercato coperto
L’assessore al centro storico Andrea Cintorino di fronte all’ingresso del mercato coperto

di Luca Bertaccini

Un pezzo dopo l’altro, si sta completando lo storico mercato coperto (ufficialmente Mercato delle Erbe) in piazza Cavour. Ed è proprio entrando dalla piazza e volgendo lo sguardo a sinistra che amministratori e tecnici comunali – sul posto gli assessori Andrea Cintorino e Vittorio Cicognani e i dirigenti comunali Alessandro Ruffilli e Chiara Atanasi Brilli – illustrano ciò che manca. Qui ci sono tre posti ancora vuoti, già però assegnati in concessione a Giardini Orselli, birrificio Mazapegul di Civitella e College Sushi. "Le concessioni sono state prorogate a causa del Covid. Per partire a tutti gli effetti, ora le tre realtà devono presentare una pratica per avviare l’attività alla Soprintendenza, cosa che non mi risulta essere stata fatta, che poi impiegherà quattro mesi per rispondere", spiega Ruffilli, responsabile dell’Unità Mercati.

Altri due spazi similari verranno assegnati tramite un bando. Tecnicamente si tratta di un ’bando per migliorie’, che prevede di interpellare in prima battuta chi già opera all’interno del mercato coperto così da sondarne l’interesse. Di fatto già assegnato un sesto spazio a una macelleria che vorrebbe diversificare la sua attività avviando una piadineria. A inizio luglio partiranno gli interventi per la sistemazione delle fogne (importo 25mila euro), che dureranno un paio di settimane.

Altri due i progetti in corso, come spiega l’architetto Chiara Atanasi Brilli, dirigente del Servizio edifici pubblici del Comune. Il principale – valore 4 milioni di euro, tutti coperti dal Pnrr –, riguarda l’ex scuola media Flavio Biondo, che confina col mercato coperto (alcuni spazi, che saranno utilizzati come uffici, hanno le finestre visibili sulla facciata principale). "Questo intervento, dovendo rispettare i tempi del Pnrr – spiega l’architetto – dovrà concludersi entro il 2026". La gara per affidare i lavori verrà effettuata quest’estate. Una volta rimesso a nuovo l’immobile, precisa Cicognani, qui troveranno posto "uffici comunali, a cominciare dal distaccamento per il centro storico della polizia locale". Quando poi verranno effettuati lavori per sistemare il municipio, gli uffici interessati saranno trasferiti temporaneamente all’interno dell’ex scuola. Altra ipotesi in campo è che una parte del complesso "possa essere affittata a uso uffici".

Secondo e ultimo intervento in corso, per 400mila euro (100mila sono stati aggiunti lunedì in consiglio comunale con l’approvazione di una variazione di bilancio), riguarda opere complementari per rifare sette box dell’ortofrutta. "La nostra idea è quella di dare una continuità anche estetica al mercato", ragiona l’assessore Cintorino. All’interno del mercato attualmente gli operatori sono una quarantina. "Vogliamo che il mercato coperto diventi un polo agroalimentare di prodotti a chilometro zero, un nostro fiore all’occhiello. Qui abbiamo investito tanto".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?