Quotidiano Nazionale logo
21 apr 2022

Mix tra ironia e satira con ‘Finale a sorpresa’

Al cinema Saffi stasera biglietti gratis per i nostri lettori. Arriva in sala in film diretto da Mariano Cohn e Gastón Duprat con un super cast

Un biglietto per il cinema in omaggio ai primi dieci lettori che, questa sera, consegneranno questa pagina alla cassa del cinema Saffi. Gli spettacoli cominciano alle 21. Presentato in concorso alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, arriva in cartellone ‘Finale a sopresa’, diretto da Mariano Cohn e Gastón Duprat. La pellicola vede protagonista Lola Cuevas interpretata da Penelope Cruz, un’eccentrica e affermata regista a cui è stata commissionata la regia di un film da parte di un imprenditore miliardario megalomane che è deciso a lasciare il segno nella storia.

L’ambiziosa impresa, per avere qualche speranza di riuscita, richiede l’impiego dei più grandi talenti del mondo del cinema, così Lola scrittura due stelle della recitazione contemporanea: si tratta del divo sciupafemmine di Hollywood, Félix Rivero (Antonio Banderas) e del capofila del cinema e del teatro impegnato, Iván Torres (Oscar Martínez). I due attori sono agli antipodi sul piano umano e professionale, ma sono entrambi, a modo loro, delle leggende grazie anche ad un carisma e un ego ineguagliabili che rendono molto difficile la condivisione dello stesso set. I due attori saranno costretti da Lola ad affrontare delle prove con effetti esilaranti e originali che, inevitabilmente, li metteranno a dura prova e metteranno a repentaglio l’uscita del film. Riusciranno a superare la loro rivalità per dare vita, grazie alla loro complicità, a un capolavoro?

Nuovo arrivo in programmazione anche ‘Gli amori di Suzanna Andler’, con la regia di Benoit Jacquot. Il film racconta la storia di una donna (Charlotte Gainsbourg), appartenente all’alta borghesia e che conduce una vita piuttosto agiata. È sposata non felicemente con un ricco d’uomo d’affari, che le è infedele.

Per prendersi una pausa dai dover coniugali e da una vita oziosa e fatta di apparenza, Suzanna – questo il nome della donna – decide di recarsi per le vacane in una splendida villa che si trova sulla spiaggia della Riviera, dove è solita andare in estate con la sua famiglia.

In sua compagnia c’è Michel (Niels Schneider), l’amante più giovane di lei e finora il primo ad aver rivestito questo ruolo nella sua vita che, fino ad allora, era stata all’insegna della fedeltà. Il ragazzo rappresenta per lei la via di fuga da quella trappola che è il suo matrimonio, nonché un dolce e liberatorio abbandono al desiderio e alla passione dei sensi che troppo spesso Suzanna aveva ignorato. È così che vediamo la donna finalmente in tutte le sue sfaccettature, fatte di solitudine, dubbi, forte desiderio di libertà, scelte giuste o errate e, soprattutto, di amore.

Il film è basato sull’opera teatrale Théâtre II: Suzanna Andler - Des journées entières dans les arbres - Yes, peut-être - Le Shaga - Un homme est venu me voir (1968) di Marguerite Duras.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?