Quotidiano Nazionale logo
19 apr 2022

Morte del duce, camicie nere ancora in corteo

Domenica 24 aprile la commemorazione partirà da piazza Sant’Antonio: viene confermata dopo il ritorno dello scorso autunno

quinto cappelli
Cronaca

di Quinto Cappelli

Organizzata dall’Associazione nazionale Arditi d’Italia (Anai), sezione di Ravenna, si terrà domenica prossima a Predappio la commemorazione del 77° anniversario della morte di Benito Mussolini, avvenuta il 28 aprile 1945. Il programma prevede alle 9.30 il ritrovo in piazza Sant’Antonio davanti alla chiesa parrocchiale e all’ex casa del Fascio, per preparare il corteo che alle 10.30 partirà appunto da piazza Sant’Antonio fino al piazzale del cimitero di San Cassiano.

Proprio qui, poco più tardi, 11-11.15 sono previsti la commemorazione di Benito Mussolini, le preghiere di rito, un breve discorso di Mirco Santarelli di Faenza, responsabile degli Arditi di Ravenna, e saluti al duce, "senza però i saluti romani, ma portando la mano al cuore", come precisa lo stesso Santarelli, "per evitare denunce e condanne, come è già avvenuto in passato".

Poi il corteo si scioglierà e i partecipanti svolgeranno la visita alla cripta del duce in modo privato. Commenta Santarelli: "Prevediamo che arrivi molta gente da tutta Italia. Lo capiamo dalle prime informazioni che ci arrivano e dal movimento sui social network, almeno per due motivi: è festa anche l’indomani, cioè lunedì 25 aprile; poi c’è il corteo che, in seguito al ritorno dello scorso autunno, viene confermato dopo due anni di pandemia".

Dalla riapertura del 23 maggio 2021, la cripta è visitabile tutti i giorni per volontà delle sorelle Orsola e Vittoria Mussolini: terminati i lavori di restauro, le pronipoti del duce (il loro nonno è Vittorio, il primogenito maschio di Benito) la stanno tenendo aperta, anche se in contrasto con altri parenti della famiglia. Da un anno la tomba, aperta ora in orario estivo dalla mattina alle 8 fino al pomeriggio alle 18, è sorvegliata continuamente dai volontari di un servizio d’ordine, 1-2 durante i giorni feriali e fino a 3 durante i festivi, coordinati dalla responsabile Angela Di Marcello. Gli oltre cento volontari della sorveglianza provengono da varie parti d’Italia e comunicano soprattutto per i turni degli orari attraverso messaggi Whatsapp. Secondo i dati forniti dai responsabili della cripta, i visitatori sono in media alcune centinaia nei giorni festivi e alcune decine in quelli feriali, "ma di certo in continuo aumento, specialmente tra i giovani".

Quest’anno l’anniversario della morte di Benito Mussolini riserverà anche una novità: sabato mattina si aprirà a Predappio, in alcuni locali vicino al ristorante ‘Da Loro’, la mostra sul centenario della marcia su Roma. L’esposizione resterà poi aperta fino al 28 ottobre, giorno in cui cade l’anniversario della manifestazione organizzata dal partito fascista per favorire l’ascesa al potere di Benito Mussolini. Gli Arditi dovrebbero tornare a Predappio per questa ricorrenza domenica 30 ottobre.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?