Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
3 lug 2022

Predappio, il Tar contro la Sovrintendenza: "Abbattete i platani di Mussolini"

Nel 2016 furono bloccati i lavori lungo la strada da San Lorenzo in Noceto a Fiumana. Ora potranno essere tagliati. Secondo le Belle Arti, sono "piante imponenti che enfatizzano il paese natale". I giudici: "Nessun legame con cultura e politica"

3 lug 2022
luca bertaccini
Cronaca
Uno dei 39 platani abbattuti nel 2016: il cantiere era della Provincia, si bloccò dopo il pronunciamento della Sovrintendenza
Uno dei 39 platani abbattuti nel 2016
Uno dei 39 platani abbattuti nel 2016: il cantiere era della Provincia, si bloccò dopo il pronunciamento della Sovrintendenza
Uno dei 39 platani abbattuti nel 2016

Forlì, 3 luglio 2022 - Si potranno tagliare i 44 platani che si trovano lungo entrambi i lati della strada provinciale 3 del Rabbi, in un tratto di quasi un chilometro, dall’uscita della tangenziale a San Lorenzo in Noceto, nel territoritorio comunale di Forlì, fino a Fiumana, frazione di Predappio. Il Tar dell’Emilia Romagna ha accolto (nel 2020, ma la notizia è stata appresa solo ora) il ricorso presentato dal Comune di Predappio contro il ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e la Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio (Regione, Provincia e Comune di Forlì non si sono costituti in giudizio). Le motoseghe vennero fermate nel 2016 dopo la valutazione ministeriale che descriveva l’antica strada, asfaltata e alberata nel 1934, come "una rilevante testimonianza di un antico tracciato scelto e valorizzato in epoca fascista come unico e obbligato collegamento tra Forlì e Predappio Nuova". Allegata al decreto ministeriale c’era poi una relazione della Soprintendenza di Ravenna in cui si citano, tra gli altri elementi della strada tutelata, anche i platani: "Innegabile il riferimento con la storia politica nazionale e la cultura dell’epoca" di una pianta "scelta per la sua imponenza" in un progetto complessivo "per enfatizzare il luogo natale di Mussolini". A sollecitare questi approfondimenti furono gli ambientalisti. Davide Drei, già presidente della Provincia (ente competente sulla strada), decise di bloccare tutto, contro il parere dell’allora sindaco di Predappio Giorgio Frassineti. Secondo il Tar, la strada "non evidenzia un riferimento alla storia politica", e gli alberi non sono "un valore storico testimoniale". Insomma la "motivazione" della Sovrintendenza era in "difetto". L’attuale sindaco del paese natale di Benito Mussolini, Roberto Canali, dice che dell’argomento si è parlato alcune settimane fa nel corso di un incontro con Daniele Valbonesi (consigliere provinciale con delega alla viabilità per il Forlivese) e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?