Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
29 mag 2022

Quante tracce, parole e iniziative Ma Sara Pedri pare inafferrabile

La fiducia della famiglia: "Scopriremo dov’è". Se accadesse, le accuse a primario e vice potrebbero inasprirsi

29 mag 2022
Sara Pedri, 32 anni, era al suo primo incarico dopo la specializzazione
Sara Pedri, 32 anni, era al suo primo incarico dopo la specializzazione
Sara Pedri, 32 anni, era al suo primo incarico dopo la specializzazione
Sara Pedri, 32 anni, era al suo primo incarico dopo la specializzazione
Sara Pedri, 32 anni, era al suo primo incarico dopo la specializzazione
Sara Pedri, 32 anni, era al suo primo incarico dopo la specializzazione

Una pianticella, una targa commemorativa, una foto. Nel mezzo del parco urbano, un angolo è stato allestito come un cimitero. Ma lì non c’è nessun corpo. Sara continua a essere assente. A un anno dalla scomparsa, la famiglia – alla presenza del sindaco Zattini, dell’assessore Rosaria Tassinari e del parroco della Cava don Davide Brighi – ha voluto ricordarla così. In quelle giornate la sorella Emanuela disse: "È come se fosse il suo funerale, come se la riportassimo qui". Adesso c’è un luogo in cui fare memoria di Sara. Dei suoi sogni infranti, del suo dolore. I segni e i gesti per tenerne viva la memoria sono stati tanti: la sua foto è stata posta vicina all’immagine sacra della Madonna del Fuoco, per qualche ora, nel giorno della patrona. La casa è stata illuminata di verde. C’è un gruppo Facebook che, in suo nome, reclama ’verità’. L’inchiesta giudiziaria e le tv hanno restituito la sua voce, mentre racconta frammenti di vita agli amici con messaggi vocali su Whatsapp. Ma il corpo no, quello continua a sfuggire a ogni sforzo. "Libera, leggera, luminosa". Così Sara viene descritta nella targa al parco urbano ‘Franco Agosto’ (verrebbe quasi da chiamarla lapide). E come tale sembra inafferrabile. Gli esperti la immaginano in un luogo senza aria né luce: il fondo di un lago artificiale, pertanto particolarmente scuro. Tre volte, nell’immediatezza dei fatti, i cani hanno percepito la presenza di Sara là sotto. Ma là sotto dove? Un luogo che costringe anche i sommozzatori a muoversi – letteralmente – a tentoni, sott’acqua. Un luogo che, per ora, può essere raggiunto solo con il cuore: "La troveremo – disse nell’anniversario la sorella Emanuela –, ne sono convinta. C’è un tempo per tutto. Spero solo che non ne passi troppo". Quando dice "ne sono convinta", la voce di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?