Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
10 ott 2021

Romana Danielova trovata morta in casa, la sorella: "Il marito non mi è mai piaciuto"

Jana, meldolese, è parte civile al processo per Romana: la 55enne viveva in provincia di Napoli, secondo l’accusa l’ha uccisa il marito

10 ott 2021
luca bertaccini
Cronaca
featured image
Si costituisce parte civile per la morte della sorella
featured image
Si costituisce parte civile per la morte della sorella

Meldola (Forlì Cesena), 10 ottobre 2021 - "Glielo avevo detto che lui non mi piaceva. Avrei dovuto insistere di più". Questo il rimpianto che si porta dentro Jana Danielova, originaria della Repubblica Ceca, da tanti anni residente a Meldola. Jana, assistita dall’avvocato Renato Cappelli, venerdì si è costituita parte civile nel processo che vede imputato Gennaro De Falco. L’uomo, 64 anni, è accusato di aver ucciso, strangolandola, la moglie Romana Danielova, sorella di Jana.
 

Il corpo senza vita della 55enne è stato trovato il 12 luglio 2020 nell’abitazione in cui risiedeva a Lago Patria, località del comune di Giugliano, in provincia di Napoli. Il caso è già stato classificato come femminicidio (esiste anche un sito specifico: www.femminicidioitalia.info). Per sottolineare la presunta condotta violenza di De Falco nei confronti della sorella, Jana venerdì si è presentato in Corte d’Appello a Napoli indossando un paio di scarpe rosse; il rosso è diventato il colore che simboleggia tragedie come quelle che si è consumata in Campania.
 

La difesa di De Falco la pensa diversamente, perché il corpo della 55enne è stato trovato impiccato. Suicidio, dunque. Nel corso dell’udienza si sono costituiti parte civile anche la mamma e il fratello della vittima, così come una dottoressa del 118, intervenuta sul posto, aggredita da De Falco perché colpevole, ai suoi occhi, di non aver sottoposto a Tso la moglie alcuni giorni prima (per questo episodio, il 63enne deve rispondere di lesioni personali gravi; il capo di imputazione più pesante è quello di omicidio aggravato). L’imputato era presente in videoconferenza, dato che si trova in carcere a Poggioreale. Le due figlie della coppia hanno scelto invece di non costituirsi parte civile.

Nel corso dell’udienza la difesa ha sollevato alcune eccezioni di nullità, rigettate dal giudice; è stata inoltre nominata la giuria popolare. "La mia assistita si colpevolizza del non aver insistito con la sorella del suo non gradimento dell’uomo. A causa di questo Jana non vedeva la sorella da tempo", racconta l’avvocato Cappelli. De Falco, 63 anni, incensurato, è proprietario di un centro medico (il Soviet di Lago Patria), al cui interno sono ospitati vari studi specialistici tra i quali anche un centro di riabilitazione dove si sono curati anche ex calciatori del Napoli, da Hamsik a Lavezzi e Cavani. La struttura sanitaria era formalmente intestata alla moglie di De Falco; all’origine dei litigi tra i coniugi ci sarebbe stata proprio la gestione del Soviet.
 

Durante l’udienza la difesa dell’imputato ha indicato un centinaio di testi da interrogare; gli avvocati di parte civile e la pubblica accusa hanno chiesto al giudice di ridurli a una quarantina. Il dibattimento sarà, è facile immaginare, una guerra di perizie, per capire se davvero Romana Danielova si è impiccata o se il marito l’ha prima strangolata, simulando poi un suicidio. I carabinieri, arrivati il 12 luglio dello scorso anno sul posto, nella casa di Lago Patria, riscontrarono diverse incongruenze nel racconto dell’uomo; l’autopsia rilevò poi che la donna è morta dopo essere stata strangolata. Toccherà ora alla Corte d’Appello di Napoli chiarire una volta per tutte come e perché è morta la 55enne.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?