La mamma Mirella e un’immagine di Sara, negli studi Rai
La mamma Mirella e un’immagine di Sara, negli studi Rai

Forlì, 21 ottobre 2021 - Nuovi messaggi vocali e una lettera inedita. Ieri sera ‘Chi l’ha visto’, su Rai3, ha aggiunto ulteriori dettagli alla vicenda di Sara Pedri: in studio, con la conduttrice Federica Sciarelli, c’era tutta la sua famiglia. La sorella Emanuela, e per la prima volta negli studi Rai anche la mamma Mirella e il babbo Stefano, accompagnati da Nicodemo Gentile, avvocato dell’assocazione Penelope che si occupa di persone scomparse. Parole strappate all’oblio, dal telefonino che Sara ha lasciato nella sua auto, la mattina del 4 marzo, che diventano ancor più pesanti nel giorno in cui l’inchiesta penale registra i nomi di due indagati.

Sara Pedri, il primario e la vice iscritti nel registro degli indagati - Sara Pedri notizie, le testimonianze sull'ex primario: 'Mortificava i colleghi'

La mamma Mirella e un’immagine di Sara

"Non ti nascondo momenti bui, qui fanno al contrario tutto quello che ho imparato, ma sono qui da un mese, va un po’ meglio", confessava Sara parlando sull’applicazione di messaggistica gratuita Whatsapp. Poi entra nel dettaglio: "Non bevo, non mangio, non piscio. Pranzo due volte a settimana, il sabato e la domenica". Poi tocca la sfera dei sentimenti, il fidanzato che aveva conosciuto quando studiava a Catanzaro e che vive a Cosenza: "Con Guglielmo è dura. Voglio stare con lui, ma mi sento in colpa. Gli chiedo scusa tutte le sere". Più secca la conversazione con l’amica Celeste: "Non ne posso più".

I famigliari sono tornati sul momento chiave della vicenda di Sara: quando a febbraio ottiene quindici giorni di malattia e torna a Forlì per la prima volta dopo mesi (gli spostamenti tra regioni erano ancora impossibili per le restrizioni anti-Covid). "Era in condizioni pietose, non dormiva, stava sempre in camera, in disparte, si mangiava le unghie e si abbracciava lo stomaco". Una situazione che l’avvocato Gentile ricostruisce così: "All’incirca il 20 gennaio c’era stato l’episodio di uno schiaffo in sala operatoria, al quale probabilmente è seguito anche il lancio di un bisturi. Dunque un attacco violento anche fisico".



Il nome, in tv, non è stato fatto, ma l’episodio è stato nei mesi scorsi attribuito alla vice di Tateo, Liliana Mereu. "Abbiamo testimonianze a iosa di situazioni di abuso dei mezzi di correzione e disciplina". Parla anche di "colloqui inquisitori" tra il primario e le ginecologhe, ricordando che "si era parlato di fare insonorizzare l’ufficio". A Sara era capitato di trascorrere un turno senza far nulla, eppure senza poter tornare a casa. La sorella Emanuela è sicura: "Io credo che episodi di questo tipo siano stati continui, perché altrimenti non si spiega che la sua identità sia stata annientata".

In tv, si è parlato anche di una lettera, datata 7 febbraio e mai spedita. Il destinatario era il direttore dell’ospedale di Cles, quello per il quale Sara aveva vinto il concorso (causa Covid, si era deciso di rinforzare però Trento). "È servito come base per una telefonata", spiega il padre. La madre ricorda di averla aiutata nella stesura di questo foglio rimasto poi in possesso della famiglia. Una sorta di appello affinché Sara potesse tornare nell’ospedale più naturale per lei (a Cles aveva anche preso casa). E in cui la ginecologa descrive una situazione di "poco rispetto e comprensione", "umiliazioni e mortificazioni", che hanno portato a "una paura mai provata", nonché "insicurezza e debilitazione". Racconta di lavorare più giorni a settimana dalle 6 alle 21.

In chiusura, il programma ha fatto sentire la brevissima registrazione di una telefonata a Saverio Tateo: contattato perché potesse riportare la sua versione dei fatti, l’ex primario si è negato dicendo di vivere un "momento molto difficile". La famiglia di Sara ha detto che nessuno, da Trento, li ha mai contattati per una parola di conforto. "Sicuramente col Covid in ospedale può essere stato difficile. Ma nessuno ha mai chiesto scusa".