Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Un bambino mentre viene vaccinato

Forlì, 11 settembre 2018 - Alla prima campanella, ieri mattina, nessuno è stato rimandato a casa. Sono solo dieci le famiglie forlivesi, i cui figli sono a rischio di sospensione, perché a tutt’oggi non hanno prodotto la documentazione richiesta. «Appena una decina di casi su circa 1.200 bimbi iscritti ai nidi e alle scuole per l’infanzia comunali», dice Patrizia Zanobi, dirigente comunale del servizio Scuola e Sport.

LEGGI ANCHE "Bbimbi non vaccinati esclusi da scuola? Pronti a un'azione legale"

«Non risultano criticità nelle scuole forlivesi», conferma Giuseppe Pedrielli, direttore dell’ufficio scolastico di Forlì-Cesena e Rimini. Le 70 lettere che furono spedite a luglio ai genitori dei bimbi non ancora vaccinati hanno sortito un primo obiettivo: gran parte ha provveduto alla profilassi oppure ha già un appuntamento concordato con un ambulatorio dell’Ausl. Il punto è che si attendono le mosse del governo. Nei giorni scorsi si sono lette dichiarazioni non sempre univoche e si aspetta l’emendamento al cosiddetto Milleproroghe – potrebbe uscire già oggi o domani – per dirimere la situazione.

LEGGI ANCHE Vaccini obbligatori. Da oggi si può richiedere l’attestato per la scuola

In sostanza: se la legge Lorenzin, tuttora in vigore, non sarà modificata, occorre che i bimbi siano vaccinati o abbiano un incontro già stabilito con l’ambulatorio. Se no, verranno sospesi. «Ma può anche darsi che siano accettate le autodichiarazioni delle famiglie, che secondo quanto apparso nei giorni scorsi sulla stampa – continua Zanobi – avranno validità fino al 10 marzo. Noi comunque dobbiamo basarci su dati certi, anche per non creare ulteriore confusione ai genitori, quindi stiamo fermi. I bambini entrano a scuola in modo scaglionato, qualcuno ha già iniziato, altri lo faranno il 17 settembre o anche dopo. Questo ci consente di vedere quale sarà la decisione del governo».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.