Il vicesindaco di Predappio Lambruschi davanti alla scuola elementare di Fiumana (Frasca)
Il vicesindaco di Predappio Lambruschi davanti alla scuola elementare di Fiumana (Frasca)

Forlì, 12 settembre 2019 - L’inizio dell’anno scolastico coincide, talvolta, con una serie di disagi. È il caso degli studenti di due importanti scuole del Forlivese. Per esempio, sono oltre mille gli studenti che frequentano l’istituto superiore Pellegrino Artusi di Forlimpopoli, suddivisi fra alberghiero e liceo delle scienze umane. Ma l’edificio centrale, che ospita gran parte delle aule dell’alberghiero, lo scorso anno subì la chiusura dell’ala orientale, con relativa diminuzione di spazi dedicati alla didattica: sono ancora indisponibili sei aule, tre laboratori e gli spogliatoi.
 
Durante l’anno sono stati realizzati alcuni lavori minori, mentre la parte più consistente dovrebbe realizzarsi in due parti, la prima a gennaio 2020 e l’altra a maggio. In questa maniera l’alberghiero sarà pienamente operativo solo per il prossimo anno scolastico. Per ovviare alla mancanza degli spazi, la nuova dirigente scolastica Mariella Pieri ha deciso di confermare l’organizzazione delle lezioni su cinque giorni, per cui le classi, a rotazione, saranno a casa un giorno a settimana, in maniera da poter spostare alcune classi nelle aule libere. Confermato il prolungamento pomeridiano una volta alla settimana: le classi dalla prima alla terza termineranno alle 15.50, mentre quarta e quinta alle 16.50. Alcune classi dell’Alberghiero sono ospitate all’ex Gil, sede del liceo Carducci, dove i lavori di controsoffittatura sono già finiti. 
 
Invece, i 70 ragazzi della scuola elementare ‘Anna Frank’ di Fiumana dovranno spostarsi dal loro paese fino a Predappio, distante 5 chilometri. Gli alunni delle prime 4 classi andranno presso la scuola elementare Adone Zoli e quelli della 5ª alla scuola media Publio Virgilio Marone. L’edificio scolastico di Fiumana è inagibile, perché sono in corso lavori di ristrutturazione e di messa a norma antisismica. Ma perché questo avviene per il terzo anno consecutivo? Risponde il sindaco di Predappio, Roberto Canali: «Una ditta di Reggio Emilia aveva iniziato i lavori tre anni fa. Poi, per una complicata serie di motivi, abbiamo chiuso i rapporti e il contenzioso con quella ditta, per consegnare la conclusione dei lavori edili, fra cui una parte del tetto, alla ditta PPG di Santa Sofia, per una somma di 60milioni».



Questi lavori dovrebbero concludersi entro ottobre. Resteranno quindi da fare gli impianti idraulici ed elettrici, per una spesa di 200mila euro, «i cui lavori dovrebbero essere appaltati a breve. Saremmo molto contenti se i ragazzi di Fiumana potessero ritornare nella loro scuola per l’anno scolastico 2020/21». Per il trasporto dei ragazzi, il Comune spende 48mila euro all’anno. «Abbiamo una convenzione con la ditta Smi – dice il vicesindaco Luca Lambruschi, assessore alla scuola – che effettua il trasporto con due viaggi in pullman al mattino e due rientri alla fine della scuola. Inoltre, il Comune si accolla le spese di due accompagnatori».