Quotidiano Nazionale logo
15 apr 2022

Via Crucis, tornano i riti dopo l’ok

Il vescovo Corazza parteciperà a quella del centro storico. Tra i testimoni, un ucraino. e la mamma di Sara Pedri

Oggi, Venerdì Santo, per tutta la Chiesa è il giorno dedicato al ricordo della passione e della morte di Cristo. Le celebrazioni di questa giornata sono la liturgia della Passione e la Via Crucis che quest’anno, con la fine dello stato di emergenza a causa della pandemia, viene nuovamente proposta in forma itinerante nelle strade dei paesi e dei quartieri con centinaia di persone in cammino.

Le parrocchie del centro storico di Forlì propongono la Via Crucis cittadina presieduta dal vescovo, mons. Livio Corazza, che partirà alle 21 dalla chiesa della Trinità (piazzetta Melozzo) e si articolerà in sette tappe con meditazione sulle sette parole di Cristo in croce ognuna delle quali sarà annunciata a ogni tappa e seguita da un momento di riflessione con la lettura di testi di Benedetta Bianchi Porro e di Annalena Tonelli e con alcune testimonianze: ci saranno Mirella Sintoni, la mamma di Sara Pedri, la ginecologa forlivese scomparsa oltre un anno fa in Trentino (nella foto, con il vescovo Corazza); un ospite della Casa della Speranza di Malmissole; un profugo ucraino. Conclusione in Duomo dove vi sarà l’adorazione della Croce fino alle 24 e le offerte raccolte come segno del digiuno verranno devolute per i cristiani della Terra Santa. In caso di maltempo la celebrazione si svolgerà dentro la Cattedrale.

A San Pio X in Ca’ Ossi la Via Crucis inizierà alle 20.30 nel piazzale antistante la parrocchia e alla stessa ora partirà dalla chiesa della Selva quella dell’unità pastorale Ronco, Santa Rita e appunto Villa Selva, che terminerà a San Giovanni Battista in Ronco. Alle 20.30 inizierà la Via Crucis anche a Premilcuore, con partenza e arrivo alla pieve di San Martino, e a Bertinoro alla stessa ora la processione si muoverà dalla chiesa di San Rocco per concludersi in Cattedrale con lettura del Vangelo della Passione e l’adorazione della Croce. Alle 20.30 Via Crucis anche a San Benedetto in Alpe, con partenza dalla chiesa del Mulino e conclusione all’abbazia, e a Forlimpopoli, con inizio dalla chiesa di San Pietro e termine nella basilica di San Rufillo. A Santa Sofia la tradizionale processione con il Crocefisso inizia alle 20.30, con partenza e arrivo alla chiesa parrocchiale, stesso orario per la Via Crucis a Meldola, che partirà da San Francesco per concludersi in San Nicolò. Alle 20.30 inizierà pure il rito a Terra del Sole con partenza e conclusione nella chiesa parrocchiale di Santa Reparata. Alle 21 a Portico da Santa Maria in Girone inizierà la tradizionale rievocazione del ‘Gesù morto’ e alla stessa ora a San Cassiano di Predappio si svolgerà la processione per tutte le parrocchie dell’unità pastorale.

Il movimento di Comunione e Liberazione propone la Via Crucis con inizio alle 19.30 alla pieve di San Donato di Polenta. Tutti i riti si svolgeranno nel rispetto delle misure anti-Covid. Il vescovo, durante la messa ‘in coena Domini’ celebrata in Cattedrale, ha lavato i piedi ad alcuni profughi dell’Ucraina e ad altre persone assistite dalla Caritas.

Alessandro Rondoni

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?