Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
10 apr 2021

Villafranca in campo per la famiglia di Dan

Il virus lo ha stroncato a 61 anni. Gara di solidarietà per sostenere la vedova e il figlio Patrick, di 6 anni: "Lui dava una mano a tutti"

10 apr 2021
stefano benzoni
Cronaca
Dan Tanasescu, rumeno, viveva qui da 25 anni e lavorava alla Bleu Line. Nella foto, la moglie Andrea e il foto Patrick
Dan Tanasescu, rumeno, viveva qui da 25 anni e lavorava alla Bleu Line. Nella foto, la moglie Andrea e il foto Patrick
Dan Tanasescu, rumeno, viveva qui da 25 anni e lavorava alla Bleu Line. Nella foto, la moglie Andrea e il foto Patrick
Dan Tanasescu, rumeno, viveva qui da 25 anni e lavorava alla Bleu Line. Nella foto, la moglie Andrea e il foto Patrick
Dan Tanasescu, rumeno, viveva qui da 25 anni e lavorava alla Bleu Line. Nella foto, la moglie Andrea e il foto Patrick
Dan Tanasescu, rumeno, viveva qui da 25 anni e lavorava alla Bleu Line. Nella foto, la moglie Andrea e il foto Patrick

di Stefano Benzoni Il Covid non può cancellare l’umanità e la solidarietà, quando le persone si vogliono bene. Sullo sfondo, c’è la storia di una delle tante vittime che il virus miete quotidianamente: il rumeno Dan Tanasescu, 61 anni, dipendente della BlueLine e in Italia da 25 anni, si è spento lunedì 29 marzo vinto da questo male che se l’è portato via dopo un mese di ospedale nel quale i momenti di speranza si sono alternati a quelli più gravi, fino a evolvere in tragedia. Dan viveva a Villafranca, dove era conosciuto e ben voluto da tutti, e ha lasciato soli la moglie Andrea di 49 anni e il figlio Patrick di 6. Ma in tutta la comunità della piccola frazione resta di lui un ricordo a dir poco meraviglioso. Ed è stato per questo che i suoi concittadini hanno deciso di fare qualcosa di concreto per aiutare Andrea e Patrick. Infatti hanno posizionato di fronte a sei negozi (l’edicola ‘La mia casa’, la lavanderia ‘Loretta’, il Conad Margherita, la macelleria ‘Natalya’, il bar ‘Da Dino’ e in quello della vicina San Martino in Villafranca) delle cassette per la raccolta fondi: chi vuole può lasciare qualcosa che poi verrà raccolto e donato alla vedova ed al figlio di Dan. "L’idea è partita da Marco Cavina che è il responsabile del Polisportivo di Villafranca – racconta Valerio Giulianini che oltre ad essere il coordinatore del comitato di quartiere è anche il vice presidente dell’associazione ‘Il Palazzone’ –. Mi ha chiamato, mi ha proposto la sua idea e io ho aderito immediatamente non solo per aiutare chi rimaneva in una situazione economicamente non facile, ma perché ci è sembrato giusto". Un aiuto che viene dal cuore: "Dan era veramente una persona eccezionale che se poteva dava una mano a tutti e lo faceva sempre ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?