I ragazzi del liceo artistico e musicale di Forlì durante l’inagurazione del murale cileno
I ragazzi del liceo artistico e musicale di Forlì durante l’inagurazione del murale cileno

Forlì, 27 ottobre 2018 – «Far riemergere la storia in qualunque modo, anche attraverso i murales, fa parte di un patrimonio culturale che appartiene a tutti», ha precisato l’assessora Elisa Giovannetti nel convegno che si è tenuto questa mattina all’ExATR prima dell’inaugurazione del grande murale di via Minardi, restaurato dagli studenti di 3°A del liceo artistico e musicale di Forlì sotto la guida del loro docente Paolo Visani e del muralista Mono Charrasco, già presente ed attivo lo scorso anno per il recupero del murale del velodromo in viale Roma di Forlì.

Il murale di via Minardi è stato eseguito nel 1976 dall’artista cileno Christian Olivares Thomsen insieme con gli studenti di diverse scuole dell’epoca. Durante il convegno è stato presentato un filmato in cui Olivares ha raccontato che in quegli anni assieme alla Brigada di giovani ha collaborato per realizzare molti dipinti su muro come testimonianza del golpe nel 1973 in Cile quando la dittatura di Pinochet fece cadere il governo di Allende.

Grazie all’impegno dell’amministrazione comunale di Forlì e di Città di Ebla, di alcune aziende e dell’Istituto storico della Resistenza per il recupero del materiale fotografico del 1976 è stato possibile risalire all’autore del murale e a riportare l’opera al suo originale aspetto e ai colori usati in quegli anni.

«Dobbiamo difendere la democrazia, il pluralismo – ha sottolineato Claudio Angelini di Città di Ebla – e la pace che la nostra generazione ha avuto in dono».

Un murale, dunque, per non dimenticare. Un altro aspetto di grande onore è stata l’accoglienza nel nostro paese dei profughi cileni, come ha detto Aida Elena Viveros Perez , rifugiata cilena a Forlì: «Ho trovato in questa città tanta solidarietà e tanti aiuti concreti e non finirò mai di dire grazie». Dopo il discorso del sindaco di Forlì, Davide Drei, davanti al murale è stata scoperta una lapide in ricordo dei fatti del 1973 e del lavoro di recupero effettuato dai giovani liceali nel periodo dal 22 al 26 ottobre 2018 E tutto con grande partecipazione emotiva da parte dei presenti.