Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Forlì, la siccità ha alzato i prezzi della frutta

L’analisi dei dati Istat rivela un rialzo dei prodotti ortofrutticoli

Ultimo aggiornamento il 6 febbraio 2018 alle 23:03
Rincari nel reparto frutta e verdura

Forlì, 7 febbraio 2017 - In aumento i prezzi ortofrutticoli. Questo emerge dall’esame dei dati Istat confrontati tra quelli del dicembre 2016 e 2017 (sul Carlino di domani una panoramica dei cambiamenti). Un carrello di frutta, composto da ananas, banane, limoni, mele e pere (tenendo come quatità un chilo e considerando anche le diverse varietà), può arrivare a costare in media fino a 68 centesimi di euro in più. Non proprio un prosciugarsi delle finanze, è vero, ma di frutta se ne compra tanta e spesso e moltiplicando il carrello per tutte le volte che si va a far la spesa, allora in questo caso l’aumento si potrebbe iniziare a sentire. Soprattutto se si considera che in percentuale, quei 68 centesimi valgono un +4,93%.

Il frutto che è aumentato di più risulta essere la mela golden delicious (passata da 1,55 a 1,75 euro al chilo): +12,90%. Un altro aumento a due cifre percentuali sono le mele granny smith, con un +12,50% (da 1,68 euro al chilo a 1,89). Anche davanti alle pere abate c’è un segno più: da 2,27 euro al chilo a 2,54, sono 27 centesimi in più che valgono un +11,89%. L’unico frutto a calare invece è il limone giallo, col prezzo che si abbassa di 15 centesimi (da 2,69 a 2,54 euro al chilo, ovvero un -5,58 %).

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.