Produzione
Produzione

Forlì, 9 luglio 2020 - Il ’closing’ , secondo il gergo di Piazza Affari, è andato in porto. Luxury Living, la storica azienda forlivese dell’arredo di lusso, sfoggia le stelle e strisce. È infatti americana la Haworth, che tramite Lifestyle Design (già Poltrona Frau Group) ha completato l’acquisizione di Luxury Living Group. L’azienda fondata da Alberto Vignatelli, scomparso nel 2017, entra a fare parte di un ventaglio di marchi noti nei negozi a la page di tutto il mondo:

Cappellini, Cassina, Ceccotti, DZine, Karakter, Janus et Cie, Luminaire e Poltrona Frau. Si tratta di un’operazione già annunciata da tempo, che non comporta cambiamenti nel cda, presieduto da Roberto Spada, con Olga Shvilli (vedova di Vignatelli) vice e Renato Preti amministratore delegato. Nessuno scossone neppure per l’occupazione – 280 i dipendenti di tutto il gruppo – e le sedi forlivesi: in via Balzella la fabbrica, in corso Diaz, nel Palazzo Orsi Mangelli, il quartier generale e lo show room.

L’accordo era conseguente alla fase di ristrutturazione del debito di Luxury Living, che ha comportato anche un nuovo assetto societario, con l’uscita dai vertici aziendali dei figli del fondatore, Raffaella e Daniele. Il gruppo forlivese progetta, produce e distribuisce da oltre 30 anni arredi di alta gamma made in Italy per alcuni dei più importanti brand internazionali del lusso: Fendi Casa, Bentley Home, Trussardi Casa, Bugatti Home oltre al marchio stesso Luxury Living. Con un giro d’affari di 90 milioni di euro, l’azienda opera principalmente attraverso una rete di 80 rivenditori presenti nel mondo insieme a 7 negozi di proprietà: due a Milano, uno a Forlì, Parigi, New York, Los Angeles, Miami. Prossimamente sarà riaperto il punto vendita di Londra e nel 2021 è in programma lo sbarco a Shanghai e San Francisco.

«Sono emozionata ed entusiasta, considero un privilegio per Luxury Living Group entrare a far parte di un gruppo industriale così solido e lungimirante come Lifestyle Design – dice Olga Shvilli Vignatelli – . Ogni azienda da loro acquisita ha preservato e valorizzato la propria identità, i fondatori continuano a contribuire allo sviluppo, la forza finanziaria del gruppo ha consentito investimenti in nuovi negozi e stabilimenti. Sono certa che anche in Luxury Living svilupperemo presto importanti sinergie ed efficienze. Vivo questo momento come un riconoscimento per Alberto Vignatelli, un sognatore e viaggiatore, che ha messo il suo cuore per creare questo gioiello nel mondo dell’arredo. E per le tante straordinarie risorse umane e professionali che hanno consentito a Luxury Living di arrivare fin qui. Il nostro nuovo viaggio comincia veramente adesso". Dal canto suo Dario Rinero, ceo di Lifestyle Design, aggiunge: "Fin da quando ho conosciuto Alberto Vignatelli sono rimasto genuinamente colpito dalle sue qualità, tipiche della migliore imprenditoria italiana: sogno, visione, determinazione realizzativa, resilienza, forza interiore".