Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Forlì, a lezione dall'economista premio Nobel Yunus

Lo studioso ha presentato  un nuovo centro del Campus

Ultimo aggiornamento il 18 aprile 2018 alle 16:21

Forlì, 18 aprile 2018 - E' stato a Forlì oggi il premio Nobel per la Pace originario del Bangladesh Muhammad Yunus, economista conosciuto come il banchiere dei poveri, per avere sostenuto milioni di famiglie nella lotta contro la povertà attraverso l’opera della sua Grameen bank e gli strumenti del microcredito. Lo studioso è stato accolto al Campus per una giornata dedicata al social business e al microcredito, promossa dalla Fondazione Grameen Italia e organizzata dal dipartimento di Scienze Aziendali, dalla Vice Presidenza della Scuola di Economia, Management e Statistica – Sede di Forlì e dalla Presidenza del Campus di Forlì con il supporto della Bologna Business School. L’incontro si è tenuto ieri mattina al Teaching Hub, dove il premio Nobel per la pace ha inaugurato il primo ‘Yunus Social Business Centre’ dell’Università di Bologna, ovvero un centro dedicato a promuovere e diffondere la ricerca sul social business sia in campo accademico che professionale.

Yunus, che ha presentato a studenti e cittadini forlivesi la sua visione economica del mondo, caratterizzato dall’assenza di povertà, disoccupazione e inquinamento. Secondo l’economista, infatti, il motore del sistema capitalista è difettoso porta inevitabilmente a forti disuguaglianze sociali, disoccupazione massiccia e distruzione ambientale causata da forti emissioni di carbonio. Per salvare l'umanità, perciò, ci sarebbe bisogno di un nuovo sistema economico basato su una visione più realistica della natura umana, che riconosca l'altruismo e la generosità come vere e proprie forze trainanti, altrettanto fondamentali e potenti quanto l'interesse personale.  

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.