Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Stipendi, siamo tra le province che perdono di più

Forlì-Cesena perde 14 posizioni in classifica: la retribuzione annua lorda, in media, è di 28mila euro

Ultimo aggiornamento il 6 dicembre 2017 alle 10:46
Una giovane in cerca di impiego

Forlì, 10 dicembre 2016 - Non è ancora in zona retrocessione, ma il ‘rendimento’ del 2016 è preoccupante. Nel campionato degli stipendi, il territorio di Forlì-Cesena perde colpi. E quindi posizioni in classifica: ben quattordici nel dettaglio, come testimonia il Jp Geography Index, la graduatoria retributiva di regioni e province italiane redatta dall’osservatorio JobPricing.

In assoluto, il poco ambìto primato del calo più consistente appartiene proprio al nostro territorio: dal 28° posto del 2015, al 42° di quest’anno tra le 110 province italiane, con un salario medio annuo (lordo) di 28.011 euro.

Se Milano è in testa con 34.414 euro, Parma è la prima emiliana (quinta posizione, 31.311 euro) e Ravenna la prima romagnola (sesta con 31.005 euro, subito davanti a Reggio Emilia e Bologna). Eppure, nonostante un 2016 da dimenticare, a Forlì-Cesena si paga meglio di Ferrara (46esima con 27.787 euro, sei posizioni in meno del 2015) e Rimini (48esima, 27.709 euro). La media di 30.240 euro annui riconosciuti ai lavoratori (+7,4% nel confronto con Forlì-Cesena) fa dell’Emilia Romagna la terza regione d’Italia per importo degli stipendi.

«I dati sull’abbassamento delle retribuzioni – commenta Paride Amanti, segretario generale della Cgil di Forlì – fanno il paio con la rilevazione che abbiamo condotto con l’Ires: nel nostro territorio sta aumentando in maniera significativa l’impiego part time e non per scelta volontaria del lavoratore. Questa condizione riguarda oltre il 24% dei dipendenti e il 42% di donne. E si traduce proprio in una riduzione del reddito». E ancora: «In Cgil, attraverso il nostro Caf, gestiamo 25mila denunce dei redditi: in 17mila di queste è dichiarata una retribuzione sotto i 25mila euro».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.