Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Forlì, Di Maio a Drei: "Decida in fretta se ricandidarsi"

Il deputato al sindaco: "Non aspetti i giudici. Poi il Pd sceglierà se sostenerlo o no"

di LUCA BERTACCINI
Ultimo aggiornamento il 20 marzo 2018 alle 07:35
Marco Di Maio e Davide Drei nel corso di un’iniziativa politica comune

Forlì, 20 marzo 2018 - «Drei dica se si ricandida o no. Il Pd dovrà analizzare in fretta la situazione, per non essere condizionato dalla vicenda giudiziaria». Il deputato Marco Di Maio l’ha detto ieri sera nella direzione del Pd forlivese in cui si è parlato di questi temi.

Marco Di Maio, la procura ha chiesto il rinvio a giudizio di Drei per la vicenda dei compensi di Livia Tellus con le accuse di abuso d’ufficio e falso ideologico. Perché Drei dovrebbe svelare il suo futuro prima dell’udienza preliminare?

«Perché penso sia opportuno capire, in entrambi i casi, se lavorare per il rafforzamento della sua candidatura o individuare altri percorsi. Per farlo ritengo che sia giusto partire anche dalle sue volontà».

In caso di rinvio a giudizio ritiene che Drei debba dimettersi?

«Il rinvio a giudizio non costituisce una ragione perché debba dimettersi. Si tratta di una valutazione che dovrà fare lui. Non è il primo sindaco che si trova in una situazione simile».

Lo dice in base alla gravità del reato? E se fosse stata corruzione allora?

«Mi sembrano ipotesi di reato piuttosto lievi per un amministratore pubblico. Ce ne sono di ben più gravi. Il rinvio a giudizio non è una sentenza di condanna. Ripeto: questi casi sono scelte personali».

Le vicende – politica e giudiziaria – vanno tenute distinte?

«Esatto. A livello politico il Pd farà le sue valutazioni sull’operato del sindaco, la questione giudiziaria è un’altra cosa. Starà al sindaco decidere se ricandidarsi o meno e se confrontarsi – come credo farà – con la squadra di persone che ha».

Ha parlato con Drei?

«Gli ho consigliato di valutare in tempi brevi se ricandidarsi o meno per agevolare il percorso».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.