Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
16 mag 2022

Festa arcobaleno e polemiche a Forlì, l'assessore spiega perché l'ha patrocinata

Melandri: "Ho idee diverse, ma non censuro nessuno. Sono cattolico e liberale, non c’è nessun cambio di rotta. La concessione del logo non significa condividere la posizione"

 

16 mag 2022
Una foto di gruppo degli organizzatori: a fianco delle associazioni c’erano anche Cgil, Aics e ‘Un secco no’. In alto a sinistra, l’assessore Valerio Melandri
Una foto di gruppo degli organizzatori
Una foto di gruppo degli organizzatori: a fianco delle associazioni c’erano anche Cgil, Aics e ‘Un secco no’. In alto a sinistra, l’assessore Valerio Melandri
Una foto di gruppo degli organizzatori

Forlì, 16 maggio 2022 - Erano circa mille i partecipanti alla festa delle famiglie arcobaleno, ieri pomeriggio al parco urbano. C’erano anche coppie eterosessuali che hanno comunque presenziato ai momenti di gioco e letture per i bambini nell’area verde. L’iniziativa, organizzata dalle associazioni delle famiglie arcobaleno e dei genitori omosessuali, aveva come riferimento tutta l’Emilia-Romagna e le Marche. Gli organizzatori hanno ringraziato pubblicamente la città di Forlì per l’accoglienza. L’evento aveva – tra gli enti – i patrocini dei comuni di Cesena, Forlimpopoli, Bertinoro, Provincia di Forlì-Cesena, Università di Bologna (dipartimento di Interpreti e Traduttori) e Regione Emilia-Romagna. Più quello del Comune di Forlì, che in questi giorni ha aperto un dibattito nella maggioranza di centrodestra.   Valerio Melandri, assessore alla cultura del Comune di Forlì, la festa delle famiglie arcobaleno al parco urbano ha il logo del suo assessorato. L’ha concesso lei? "Sì. È un evento culturale che riguarda la città di Forlì". Fratelli d’Italia ha chiesto le sue dimissioni, vuole rispondere? "Assolutamente no". Sembrano ormai contrari tutti i partiti di maggioranza: Centrodestra per Forlì, Popolo della Famiglia, Forlì Cambia e, in ultimo, anche la Lega. Dicono che il centrodestra non può concedere il patrocinio a un evento legato a temi come omosessualità, gender, utero in affitto. Si sbagliano? "Io conservo le mie idee. Sono un cattolico e un liberale. Rispetto alle famiglie arcobaleno, preferisco la famiglia tradizionale. Ma chi non la pensa come me può comunque esprimersi". Un conto è non concedere il luogo, un altro è il patrocinio. Non implica questo una sorta di condivisione? "C’è differenza dal patrocinio oneroso, che significa erogare fondi per l’organizzazione: non è stato questo il caso. Guardi, io sono un pacifista. Non ho fatto il servizio militare. Non amo le armi. Ma se fosse venuta qui l’adunata degli alpini, cos’avrei dovuto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?