Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Galeata, Elisa Deo rivince le elezioni. Si conferma sindaco / FOTO

Alla lista civica basta il 37%, Casamenti al 30%. Solo il 28% per il leghista Naldini. Male i 5 Stelle

Ultimo aggiornamento il 11 giugno 2018 alle 09:33
Elisa Deo eletta di nuovo sindaco di Galeata (foto Fantini)

Galeata, 11 giugno 2018 – Elisa Deo vince le elezioni comunali di Galeata per la terza volta consecutiva (FOTO), dopo il 2009 e il 2013. Ha ottenuto il 36,9% contro il 30,5% del civico di sinistra Roberto Casamenti e il 28,3% del leghista Marcello Naldini. Staccatissimo il Movimento 5 Stelle con il 4,2% di Luca Taffetani.

Il sindaco uscente, neomamma della piccola Penelope, inizia così il suo terzo mandato: eletta inizialmente col Pd, la sua prima giunta cadde e fu interrotta dal commissariamento. Ripresentandosi con una lista civica nel 2013 (in concorrenza col Pd), si era re-insediata in municipio col 48% dei voti. Avendo concluso un solo quinquennio per intero, ha potuto ripresentarsi. E ce l’ha fatta, stavolta in maniera più tirata. È stato un testa a testa, in cui ha pesato il vantaggio iniziale di 50 voti nel più piccolo dei seggi, il primo a essere scrutinato, la frazione di San Zeno. Vantaggio che è cresciuto fino a circa 80 voti sull’oste della ‘Campanara’ (noto ristorante della frazione di Pianetto) Roberto Casamenti. Esattamente 110 i voti in più rispetto a Naldini, storico militante del Carroccio: aveva già perso nel 2009, allora per appena 7 preferenze.

Guardando al recente risultato delle politiche del 4 marzo, si nota come il primo cittadino, presentandosi con una lista civica completamente svincolata dai partiti, abbia sottratto consensi un po’ a tutti. Ma in particolar modo al Movimento 5 Stelle, che sfiorava il 19% e si è fermato al 4% esattamente come nel 2013. Mentre la Lega era primo partito col 28%, al 44% in coalizione col centrodestra. Numeri che avrebbero dato la vittoria ma non sono stati confermati: con un’affluenza del 71% contro il 76% di cinque anni fa (però su due giorni), i galeatesi hanno scelto ancora Elisa Deo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.