Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Salvini a Galeata. "Il Pd vuole arrestare tutta Predappio?"

Il segretario ospite della festa della Lega Nord ha parlato della legge Fiano sull’apologia di fascismo

Ultimo aggiornamento il 13 luglio 2017 alle 15:20
Il leader leghista Matteo Salvini (foto Frasca)

Galeata (Forlì-Cesena), 13 luglio 2017 – Bagno di folla a Galeata per il segretario della Lega Nord Matteo Salvini (FOTO), che mercoledì sera ha partecipato in paese alla festa del Carroccio: circa 600 i presenti, con Salvini richiestissimo per i selfie dei militanti.

Salvini si è occupato anche di un tema caldo, nazionale ma con ripercussioni locali: «Cosa intendono fare a Predappio? Arrestare un paese intero? Sono dei pazzi pericolosi». Parlava della legge Fiano sull’apologia di fascismo. «Rischia un anno e mezzo di carcere chi ha l’accendino con la faccia di Mussolini. Ocio se avete l’immaginetta del ‘nonno’», ha detto Salvini.

Si è parlato anche di profughi, di alleanze con il centrodestra e di case popolari. Sul palco anche il deputato Gianluca Pini e il segretario romagnolo Jacopo Morrone, che ha rivendicato il recente successo elettorale di Dovadola e punta a prendere il Comune di Galeata dove si voterà nel 2018.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.