Forlì, 17 agosto 2018 - "Il clima politico e l’odio sui social sono sempre più preoccupanti. Ad alimentare questa spazzatura mediatica contribuiscono sempre di più le fake news condivise sui social senza una verifica dell’attendibilità della fonte e del fondamento della notizia".

CAMERA ARDENTE_33067323_113243

Così il Pd forlivese stigmatizza quanto sta accadendo in queste ore, rese roventi dalle polemiche dopo il crollo del Ponte Morandi a Genova. In rete, infatti, gira un post di tale Tommaso Ciarponi, con il simbolo del Pd forlivese, che augura la morte nella tragedia di Genova a Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Il post ferragostano è stato cancellato e il profilo è momentaneamente sparito, per poi ricomparire nel pomeriggio di ieri.

"Oltre ad aver preso immediatamente le distanze da quanto scritto da questo soggetto, di cui non conosciamo l’identità e il cui nome non risulta tra i nostri iscritti ed elettori, come segretario lo ho immediatamente diffidato a rimuovere il logo, comunicandogli che provvederemo a tutelarci nelle sedi più opportune: abbiamo già informato la polizia postale e sporgeremo denuncia", sottolinea Valentina Ancarani, segretario del Pd di Forlì.

SATELLITE_33048562_125619

L'esponente Pd stigmatizza tra l'altro che si diffondano post "per alimentare odio, proprio davanti a tragedie immani. Inoltre, indipendentemente dal credo politico, condanniamo chiunque sul web utilizzi forme ed espressioni minacciose e violente, ancor più se si tratta di augurare la morte a un' altra persona". Il post, infatti, "ha suscitato un numero incredibile di commenti e condivisioni".

Sul caso è intervenuto anche Marco di Maio che parla di "macchina del fango". Per il deputato forlivese del Pd si tratta di "parole inqualificabili che nessuna distanza politica, come quella che mi separa da Salvini e Di Maio, può giustificare. Una barbarie".

Cosa sia accaduto lo spiega il debunker David Puente, che alla vicenda ha dedicato un esame dettagliato sul proprio blog, sottolineando che la foto del logo del Pd forlivese sia stata sotituita come foto prifilo poco prima di pubblicare il post. Tra l'altro come l'account Tommaso Ciarponi, fino a quel momento, avesse invece sempre agito come simpatizzante leghista, mettendo like a post di Salvini e altre azioni favorevoli alla Lega Nord.