Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Il film del forlivese Salvetti al Festival del cinema di Venezia

‘Rwanda’ è stato girato e prodotto a Forlì. Presentato nelle Giornate degli Autori

Ultimo aggiornamento il 8 settembre 2018 alle 19:39
Riccardo Salvetti presenta il suo film alla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia

Forlì, 08 settembre 2018 – Un film targato Forlì alla Mostra internazionale d’arte cinematografica. Il regista e filmmaker forlivese Riccardo Salvetti ha proiettato a Venezia ‘Rwanda’, questo il titolo dell’ultimo lavoro del 32enne presentato nell’ambito delle Giornate degli Autori.

Un successo per il giovane regista, che ha mosso i primi passi proprio in città per poi studiare a Milano alla scuola ‘Luchino Visconti’, frutto di un progetto importante e del tutto made in Forlì. Ispirato allo spettacolo teatrale di Marco Cortesi e Mara Moschini, ‘Rwanda’ è stato girato interamente a Forlì, con la partecipazione di 480 persone e la riproduzione a Carpena, vicino al fiume Rabbi, delle ambientazioni africane.

Il progetto è stato inoltre sostenuto dalla locale casa di produzione Horizon, da Sedicicorto-international film festival e Fedic, con il supportato del critico cinematografico Paolo Micalizzi, e realizzato grazie a una campagna di crowdfunding.

Al centro del film il racconto di due sopravvissuti al terribile genocidio subito dal popolo ruandese nel 1994. «Durante la prima proiezione – racconta Salvetti – avevo paura che il mio lavoro non arrivasse al pubblico, ma appena è finita la proiezione sono partiti 3 minuti di applausi. Ho pianto per l’emozione».

A conferma della buona accoglienza del pubblico, il fatto che le tre proiezioni al Festival del Cinema siano andate sold out in pochissime ore. Motivo per cui sono state programmate due ulteriori proiezioni.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.