Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
12 giu 2022

Cava Ronco pronto a rilanciare con tanto di colpo grosso: Spighi

L’ex di Spal e Alessandria sposa la causa di mister Candeloro. Il ds Ricci: "E ora cerchiamo un bomber"

12 giu 2022
marco lombardi
Sport

di Marco Lombardi

Pochi innesti ma mirati, per viaggiare ancora nei vagoni di testa dell’Eccellenza. Il Cava Ronco tiene fede agli impegni, apre il fuoco e spara il colpo: Spighi. "È stata una trattativa veloce – attacca Marco Ricci, ds dei forlivesi –, perché Mirko era deciso a sposare il nostro progetto", tanto che "in un paio di minuti abbiamo raggiunto l’accordo, forti della volontà del ragazzo, reduce da un’esperienza nel campionato sammarinese, di avvicinarsi a casa".

L’ingaggio del jolly forlivese – 32 anni ad agosto, la bellezza di 222 presenze e 14 gol tra i professionisti con le maglie, tra le altre, di Spal, Alessandria e Rimini –, segue in ordine cronologico quello di Daniele Fornaciari, centrocampista classe ’89 proveniente dal Real Formigine (Eccellenza emiliana) e con alle spalle una lunga militanza (7 stagioni, di cui 3 in serie D) tra le fila della Bagnolese: "Abita vicino a Reggio Emilia, ma si sta spostando dalle nostre parti e abbiamo colto al volo l’opportunità; può giocare davanti alla difesa e ricoprire anche altri ruoli dell’arco costituzionale del centrocampo", spiega Ricci. Che svela le prossime mosse biancorosse: "Stiamo attenzionando innanzitutto il mercato degli under, quest’anno ci sarà l’obbligo di schierare un 2003 e un 2004. Sinergia con il Forlì? È possibile, siamo molto affiatati. Le formazioni giovanili del Cava Ronco, peraltro, hanno preso parte ai memorial Spada, Di Fabio e Brunelli".

Fuoriquota, ma non solo: "Puntiamo ad inserire altri due o tre giocatori di esperienza, tra cui una punta importante". L’identikit? Un centravanti dal grilletto facile, un ‘califfo’ per intenderci, uno di quelli che di perdere il vizio del gol proprio non vogliono saperne: "Cerchiamo un elemento in grado di garantirci un bel gruzzolo di reti, per ovviare ai limiti palesati dal reparto avanzato". La stella polare che orienterà la ricerca dei profili giusti non sarà rappresentata però né dagli algoritmi né dai supporti tecnologici: "Possono essere utili, certo, ma preferisco i contatti diretti, anche perché ho la fortuna di conoscere un po’ tutti", afferma il ds biancorosso.

Confermato in blocco, ad ogni modo, l’asse portante della squadra capace, sotto la guida sicura di mister Candeloro (blindatissimo), di chiudere la stagione al quinto posto, a ridosso delle big: "Restano il portiere Carroli – e questa è una (bella) notizia –, Melandri, Lombardi, Stucchi..."; unica defezione quella di Boschi ("andrà al Medicina Fossatone"). Dopo 550 battaglie, ha invece detto stop Daniele Mordini; il 38enne gladiatore manfredo, già bandiera del Forlì, porterà il suo robusto bagaglio d’esperienza al servizio dello staff tecnico di mister Candeloro.

Quanto agli obiettivi stagionali dei forlivesi, Ricci predica prudenza: "L’idea sarebbe quella di ripeterci, e magari anche migliorare il già lusinghiero piazzamento dell’anno scorso. Detto questo, con un format a 19-20 squadre e la presenza delle bolognesi, sarà giocoforza un campionato tosto, lungo e disseminato di insidie".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?