di Simone Casadei Nel weekend un po’ di nubi si diraderanno sopra il cielo della serie A2 di basket. Le prossime saranno infatti ore cruciali per decidere le sorti del campionato 202021, in particolare per quanto riguarda il suo avvio. La proposta della Pallacanestro 2.015 (rinviare le Final Eight di Supercoppa a dicembre e la regular season a gennaio) non pare trovare sponde dagli altri club di seconda serie, intenzionati a non posticipare ulteriormente la prima palla a due dell’anno. Salvo novità, insomma, si dovrebbe cominciare domenica 22 novembre, a costo di...

di Simone Casadei

Nel weekend un po’ di nubi si diraderanno sopra il cielo della serie A2 di basket. Le prossime saranno infatti ore cruciali per decidere le sorti del campionato 202021, in particolare per quanto riguarda il suo avvio. La proposta della Pallacanestro 2.015 (rinviare le Final Eight di Supercoppa a dicembre e la regular season a gennaio) non pare trovare sponde dagli altri club di seconda serie, intenzionati a non posticipare ulteriormente la prima palla a due dell’anno.

Salvo novità, insomma, si dovrebbe cominciare domenica 22 novembre, a costo di esordire a porte chiuse. Domani, inoltre, verranno rinnovate le cariche sociali di Lnp insede di Assemblea generale a Bologna, e, tra i cinque candidati al Consiglio direttivo spicca anche il nome di Renato Pasquali, general manager del club forlivese. Gli eletti potranno essere al massimo quattro.

In tutto ciò, come atteso, la Fip ha ufficialmente ‘bollinato’ il nuovo protocollo anti-Covid, aggiornando quello già esistente per la serie A2 inserendovi specifiche normative per le gare ufficiali. Al pari della serie A, infatti, tutti gli appartenenti al Team Squadra dei club dovranno eseguire un tampone antigienico o molecolare (che dovrà naturalmente risultare negativo per poter scendere in campo) nelle 48 ore prima di ogni partita, e comunque con cadenza settimanale. Fino ad ora era sufficiente una semplice e ‘banale’ autocertificazione ogni sette giorni per potersi allenare e giocare.

Degna di nota anche la ‘gestione’ dei casi accertati di positività. I positivi asintomatici potranno "rientrare in comunità" dopo un periodo di isolamento di dieci giorni dall’accertamento della positività, a patto che venga eseguito un test molecolare negativo. Procedimento che dovranno seguire anche i positivi sintomatici, con test molecolare negativo svolto però almeno tre giorni dopo la scomparsa dei sintomi. I positivi a lungo termine (coloro i quali, pur non presentando più sintomi, continuano a risultare positivi) potranno interrompere l’isolamento dopo 21 giorni dalla comparsa dei sintomi, ma non potranno partecipare alle gare ufficiali finché la negatività non sarà accertata.

Pistoia infine, restando sempre in tema Covid-19, ha comunicato la positività di ben sette membri del proprio Team Squadra, facendo così suonare un nuovo campanello di allarme anche in casa Forlì, in virtù dell’amichevole disputata all’Unieuro Arena la scorsa settimana. Nessuna problematica di sorta sorge però per la Pallacanestro 2.015, per la quale fanno comunque fede gli esiti dei tamponi sostenuti dai toscani nelle ore successive la partita dell’Unieuro Arena, risultati tutti negativi.

Gli uomini di Dell’Agnello, insomma, possono proseguire negli allenamenti e, in attesa di novità sul prosieguo della stagione, concentrarsi sull’ennesimo scrimmage a porte chiuse contro Faenza: si giocherà domani, alle ore 17.30, al Villa Romiti.