Quotidiano Nazionale logo
5 mag 2022

"Forlì, che sfida col mio amico Dell’Agnello"

Marco Sodini, coach di Cantù, è stato vice del tecnico dell’Unieuro che affronta da sabato nei playoff: "Dovremo alzare il livello"

simone casadei
Sport

di Simone Casadei Marco Sodini, tecnico dell’Acqua San Bernardo Cantù, sabato ritroverà due sue ‘vecchie’ conoscenze con Forlì… "Sì. Con Dell’Agnello ho vissuto due campionati a Livorno, ero suo assistente. Gianfranco Benvenuti diceva che eravamo perfetti insieme, era vero. Sono stati anni molto belli e manteniamo un rapporto privilegiato". Nello stesso ruolo, qualche anno più tardi, ha lavorato con Pasquali. "Mi ha chiamato in un’esperienza particolare, a Kiev, quando non avevo squadra e di questo gliene sono grato. Sandro mi ha fornito ‘letture’ da ex giocatore che non avevo, Renato quel taglio di spessore che solo esperienze a Treviso e Virtus Bologna sanno regalare. Inoltre, riabbraccerò anche Bruttini, che ho avuto a Capo d’Orlando e con cui mantengo contatti". Passando al campo, la sua Cantù come arriva al primo turno playoff? "Abbiamo alle spalle un trascorso ‘importante’, che ci ha anche portato a giocare 13 partite in 27 giorni. La stagione è stata particolare, col roster quasi mai al completo. Nonostante ciò abbiamo disputato un’ottima stagione, consapevoli ora di affrontare un playoff di alto livello". Che serie sarà contro Forlì? "La nostra stagione dice che la qualità dei nostri avversari ha elevato la nostra pallacanestro. Siamo riusciti a far meglio con le squadre forti, piuttosto che con quelle di fascia inferiore. Contro l’Unieuro servirà un innalzamento drastico dell’attenzione. Se è vero che il nostro obiettivo è la promozione, vanno superati tutti gli avversari forti. Portando il massimo rispetto, perché effettivamente il roster forlivese lo merita". Da settima classificata l’Unieuro è una mina vagante... "Assolutamente sì. Forlì è pericolosa perché fatta di giocatori importanti ed esperti, se non fuori categoria come Kalin Lucas. Ha avuto difficoltà di infortuni, ma ha saputo evolversi nel tempo. Non è un caso se può contare su nove giocatori racchiusi tra gli 8 e i 12 punti di media. Significa che le responsabilità sono ben distribuite". Tecnicamente, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?