Quotidiano Nazionale logo
22 apr 2022

Forlì, nei playoff una tra Cantù e Pistoia

Si va verso un accoppiamento ricco di storia e fascino. Ma anche particolarmente sfavorevole: in casa non perdono da mesi

simone casadei
Sport

di Simone Casadei

La Pallacanestro 2.015 è uscita a testa bassa dal turno infrasettimanale sul campo di Torino, ma si consola con l’accesso alla post-season. Anche se non c’erano grandi dubbi sulla partecipazione dei biancorossi ai playoff, la matematica qualificazione è arrivata soltanto nella serata di mercoledì. Tutto è però ancora aperto per quanto riguarda il piazzamento finale dell’Unieuro, che domenica 1º maggio potrà chiudere la propria regular season tra il quinto e l’ottavo posto. L’ipotesi decisamente più probabile, ad ogni modo, è che Forlì termini il girone Rosso in sesta o settima piazza.

Sì, perché per raggiungere il quinto posto e mettere la freccia su Ferrara, servirebbe un doppio passo falso da parte degli estensi, che dovrebbero perdere sia con Casale che a Treviglio la settimana successiva. Contemporaneamente, i biancorossi non dovrebbero fallire né con Mantova né con Casale. Stesso discorso, ma a parti invertite, vale per una ‘retrocessione’ all’ottavo posto. Con l’Unieuro che non dovrebbe più vincere in questa fase a orologio, mentre San Severo, oggi a -2 e con gli scontri diretti a sfavore, dovrebbe superare Trapani e poi l’Assigeco Piacenza.

Insomma, tutto può succedere, ma le combinazioni più ‘semplici’ restano certamente quelle che vedono Forlì sesta e settima. In una lotta a distanza fino all’ultima giornata con Cento (ferma a 30 punti proprio come i forlivesi), che affronterà Assigeco e quindi Torino fuori casa. A quel punto, nel primo turno playoff Giachetti e compagni se la vedrebbero con la seconda (in caso di settimo posto) o con la terza (in caso di sesto posto) del girone Verde. Dove la classifica pare già abbastanza cristallizzata, a due turni dal termine: Cantù chiuderà verosimilmente seconda e Pistoia terza.

Divise soltanto da 2 punti in classifica, la compagine lombarda e quella toscana difficilmente si muoveranno dai rispettivi attuali piazzamenti. Perché a Cantù serve un miracolo per strappare il primo posto a Udine, volata a +4 dopo il successo di ieri sera con Ravenna. Allo stesso modo, sarà dura per Pistoia guadagnare posizioni: è sotto negli scontri diretti con i brianzoli ed è attesa dalla trasferta di Verona e dal derby con Chiusi.

Per Forlì, dunque, si prospetta un primo accoppiamento ricco di storia e fascino, ma particolarmente complesso. E non può essere diversamente, considerata la classifica dei biancorossi. Per di più col fattore campo a sfavore (questo a prescindere dal piazzamento conclusivo), contro due compagini che in stagione hanno fatto delle proprie mura amiche un fortino. Pistoia (11 vittorie in 14 partite) non perde in casa dal 13 febbraio contro Udine, ma Cantù sa fare ancora di meglio. Perché l’unica squadra ad aver violato il palasport di Desio è stata la Bakery Piacenza, addirittura lo scorso 12 dicembre. Trasferte particolarmente in salita, quindi, in sfide storicamente molto sentite: contro i biancorossi di Brienza sarebbe anche una sorta di derby.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?