Quotidiano Nazionale logo
10 apr 2022

"Forlì, nel derby con Ravenna sarà battaglia"

Palafiera, ore 18: i biancorossi attesi al definitivo salto di qualità dopo sei vittorie consecutive. Dell’Agnello: "Siamo pronti"

simone casadei
Sport

di Simone Casadei

Ultimo impegno del girone Rosso per la Pallacanestro 2.015, che oggi pomeriggio (palla a due ore 18 all’Unieuro Arena, arbitrano Valzani, Foti e Wassermann) incrociano di nuovo i guantoni con l’OraSì Ravenna. Derby della Ravegnana che va in scena un mese dopo la gara di andata, disputato al PalaCattani, con in palio punti pesanti per il prosieguo della regular season nella fase a orologio. Da allora i biancorossi hanno infilato un filotto di sei vittorie consecutive.

"Siamo in buone condizioni – attacca coach Sandro Dell’Agnello, alla vigilia della sfida –, eccezion fatta per la probabile assenza di Palumbo, che per l’occasione è il nostro unico neo. Mattia sta meglio, comincia a ‘spingere’ e speriamo ritrovi il prima possibile la miglior condizione. Ravenna ha sempre stazionato nelle prime tre posizioni del girone e sarà un ostacolo alto. Ma ora Forlì è una squadra in salute, sia tecnica che fisica, e siamo pronti per batterci alla pari. Al tempo stesso, però, possiamo e dobbiamo puntare a far ancora meglio, perché abbiamo ancora margini".

Sul piano tecnico, dunque, cosa ci si aspetta dal match? "Sarà una partita differente rispetto a un mese fa – avvisa il tecnico –, anche soltanto per il fatto che, allora, entrambe vivemmo una serata non felice al tiro. Mi aspetto un confronto ruvido, perché le due squadre hanno questa caratteristica nel proprio dna. Ravenna preferisce non far giocare l’avversario, mettendogli il bastone tra le ruota. Non saranno certo 40 minuti di fioretto".

Dell’Agnello prova così a fornire la possibile chiave di volta del derby: "Servirà consistenza in difesa, chiaramente, ma anche ottenere il controllo dei rimbalzi. Così facendo, potremmo fare la nostra partita, anche provando a ‘spingere’, ma sempre controllando il limite sottile tra la corsa e le palle perse". Nelle ultime uscite, del resto, l’Unieuro ha spesso saputo alzare il ritmo nel corso della partita. "Ci proveremo – spiega il capo allenatore forlivese –, ora possiamo farlo. Fino a qualche settimana fa questo non ci era consentito. Perché giocavamo senza uno straniero, mentre oggi Lucas ci dà una grossa mano. Ma anche perché la salute complessiva della squadra non era così buona, costringendoci peraltro a rotazioni corte. Insomma, eravamo figli della contingenza, mentre oggi possiamo correre un po’ di più".

A incidere sul derby potrà essere anche il fattore campo. Sulle tribune dell’Unieuro Arena è infatti atteso un buon numero di tifosi. "Il pubblico ritorna al 100% proprio in occasione della sfida con Ravenna – prosegue Dell’Agnello –. È una coincidenza particolare. La squadra è in crescita e la nostra gente può darci una mano davvero importante. Spero accorra in buon numero e ci stia vicino come sa fare".

Infine, uno sguardo alla fase a orologio, che prenderà il via nel prossimo weekend. "Dalla prossima settimana ci sarà un effetto novità per quattro partite. Incontreremo avversari inediti, che non conosciamo, però nella mia testa non cambia nulla. Ho sempre considerato una regular season da 30 partite e non da 26. Andremo a tastare il polso alle squadre del girone Verde, che possono essere più o meno competitive di quelle del Rosso. Ma la sostanza non cambia: scenderemo sempre in campo per vincere".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?