Quotidiano Nazionale logo
10 apr 2022

Il Forlì vuole insistere col Progresso Graffiedi: "Mai più passi indietro"

A Sasso Marconi contro la squadra di Castel Maggiore il tecnico vuole conferme dopo l’impresa nel derby

marco lombardi
Sport
Mattia Graffiedi ha ritrovato il ‘suo’ Forlì coi successi su Tritium e Ravenna (Frasca)
Mattia Graffiedi ha ritrovato il ‘suo’ Forlì coi successi su Tritium e Ravenna (Frasca)
Mattia Graffiedi ha ritrovato il ‘suo’ Forlì coi successi su Tritium e Ravenna (Frasca)

di Marco Lombardi

Tutti lo pensano, ma nessuno lo dice. Blindata la salvezza – il +10 sulla zona playout è più che rassicurante, considerato l’andamento lento delle pericolanti –, il Forlì può ora orientare la propria rotta verso i playoff. Utopico? Forse. Di sicuro, però, lo è un po’ meno dopo il clamoroso exploit con cui i galletti hanno atomizzato i sogni promozione del ‘magno’ Ravenna. Oggi intanto (ore 15) c’è un treno che ferma a Sasso Marconi, tana pro tempore del Progresso, e i galletti devono salirci; non farlo significherebbe rassegnarsi a bivaccare nel ventre molle della classifica. E poco importa se nella zona che conta il traffico è intenso – 8 squadre raccolte in un fazzoletto di 5 punti – come sul grande raccordo anulare. Che male c’è a sognare?

"Serve ancora qualche mattoncino per raggiungere la salvezza aritmetica – afferma Mattia Graffiedi –, poi vedremo cosa si potrà fare di più...". Insomma, massima prudenza onde non patire fatal delusione, perché "restano sette partite e fare previsioni è esercizio inutile. Già una volta abbiamo provato ad alzare l’asticella e non è finita benissimo".

Prepotentemente rilanciati dallo scacco matto alla vice capolista ("una vittoria importantissima per il morale, l’entusiasmo, la città…, ma ormai archiviata"), i galletti sono mentalizzati solo sul Progresso ("avversario temibile") per continuare a salire. "Dopo la grande prova offerta nel derby, non possiamo più permetterci passi indietro", afferma l’uomo di Cesenatico. Che inquadra così la sfida del ‘Giacomo Carbonchi’, già teatro del tracollo biancorosso col Sasso Marconi (3-1) nei giorni grami della reggenza Cornacchini: "Sarà senz’altro una partita aperta, perché loro hanno assoluto bisogno di punti per salvarsi, mentre noi, come sempre, cercheremo di vincere".

Fondamentale interpretare la gara con lo spirito giusto. "Sbagliare l’approccio ad alcune gare è stato finora il tallone d’Achille della squadra – si cruccia Graffiedi –, ma il bagno di umiltà di Bagnolo in Piano ci è servito da lezione per riscattarci con la Tritium e il Ravenna. Da questo punto di vista, questa sarà la prova del nove per confermare i progressi registrati".

Capitolo formazione: scontata la squalifica, tornano a disposizione Ronchi e Longo, con l’ex cesenate che dovrebbe riprendere posto tra i titolari, mentre restano parcheggiati ai box Boccardi e De Gori (infortunati), Casadei (bloccato da un virus intestinale), oltre all’acciaccato Manara; arruolato infine Rrapaj, rientrato in gruppo in tempo utile per la rifinitura. Dirigerà l’incontro Guido Iacopetti della sezione di Pistoia, coadiuvato dagli assistenti Carchesio e D’Ettorre. La partita sarà trasmessa in diretta streaming sulla pagina Facebook del Forlì Calcio.

Il probabile 11 (4-3-3): Ravaioli; Fabbri, Longo, Pezzi, Malandrino; E. Ballardini, Scalini, A. Ballardini; Gkertsos, Pera, Rrapaj.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?