FORLÌ Ultime ore di fuoco, prima del gong delle 20 che sancirà, stasera, la fine del mercato. Il Forlì sonda, valuta, negozia. Riveduto e corretto l’attacco con il colpo grosso Loris Tortori, sottratto alla concorrenza comunque nemmeno troppo ammaliante del Cerignola, il diesse Di Fabio si prepara a colpire ancora. O almeno ci prova. Nel mirino un difensore centrale e un centromediano metodista di spessore ed esperienza, capaci di elevare il tasso di personalità della squadra. Tante idee, ma troppi incastri. Il Forlì aveva acceso il suo interesse su Francesco VIscomI, ‘stopper’...

FORLÌ

Ultime ore di fuoco, prima del gong delle 20 che sancirà, stasera, la fine del mercato. Il Forlì sonda, valuta, negozia. Riveduto e corretto l’attacco con il colpo grosso Loris Tortori, sottratto alla concorrenza comunque nemmeno troppo ammaliante del Cerignola, il diesse Di Fabio si prepara a colpire ancora. O almeno ci prova. Nel mirino un difensore centrale e un centromediano metodista di spessore ed esperienza, capaci di elevare il tasso di personalità della squadra. Tante idee, ma troppi incastri.

Il Forlì aveva acceso il suo interesse su Francesco VIscomI, ‘stopper’ classe ’91 in forza al Città di Varese (serie D, girone A), ma i lombardi non navigano in buone acque e mister Sassarini, che lo reputa un punto fermo, ha posto il veto alla cessione del giocatore, vecchio pallino del ds Di Fabio e già alle dipendenze di Beppe Angelini a Cesena. Gli spifferi di radiomercato segnalano, altresì, il galletto sempre sulle tracce di Daniele Capelli, arcigno centrale orobico classe ’86, attualmente svincolato e uso a calcare i palcoscenici dei piani superiori (Atalanta, Cesena…). Il ‘Muro di Grumello’, negli ultimi anni condizionato da qualche acciacco di troppo, è l’ultima seduzione biancorossa per blindare una difesa groviera (la più bucata del torneo insieme a quella della Sammaurese, dopo le ultime due prove raccapriccianti), ma il Forlì deve fare i conti con una concorrenza di tutto rispetto (anche di categoria superiore).

Quanto alla mediana, il sogno sarebbe il classe ’90 Marco Romizi, scuola Fiorentina ed ex Bari, attualmente svincolato. Profilo di lusso, sebbene in parabola discendente. Ineluttabile, di converso, scremare una rosa ipertrofica. Che sfiora i 30 elementi. In lista di sbarco un attaccante e almeno un paio di giovani, per i quali si cercherà un parcheggio da qualche parte, ma non si escludono chirurgiche epurazioni eccellenti. Dialoghi aperti, telefonate di peso. La situazione è fluida, ma il tempo stringe. E a proposito sempre di mercato, tra le operazioni in uscita c’è da sistemare anche la destinazione del giovane portiere Nicolò Baldassarri, classe 1999, che dopo due stagioni in prestito alla Sammaurese nella scorsa estate è stato sul punto di accasarsi col Rimini.

Per domenica a Fiorenzuola mister Giuseppe Angelini dovrà fare a meno ancora di Emanuele Croci, che ne avrà almeno per altre due settimane e sta eseguendo le terapie per il guaio muscolare al soleo della gamba destra, mentre Eric Biasiol sta recuperando per lo stiramento al retto femorale della gamba sinistra, ma a differenza di quanto annunciato ieri dovrebbe essere arruolabile tra una decina di giorni. Oltre a Pavani, che la settimana prossima sosterrà la visita per accertare la guarigione dello zigomo e che, in caso di esito positivo, potrà tornare ad aggregarsi a quel punto al gruppo, fuori anche Beduschi out per la giornata di squalifica dopo l’espulsione di domenica scorsa.

Marco Lombardi

Franco Pardolesi