Le ragazze della Poderi dal Nespoli a rapporto col manager Juni Francisca
Le ragazze della Poderi dal Nespoli a rapporto col manager Juni Francisca
Questo è il weekend in cui si decidono le due finaliste che si contenderanno lo scudetto. Nella sua semifinale, la Poderi dal Nespoli Softball Forlì riparte dall’1-1 con cui si sono concluse le prime due partite casalinghe contro Saronno. Era il risultato più pronosticato, e così è andata: meglio assortite le romagnole nel match dei lanciatori italiani, più forti al momento le varesine in quello dei pitcher stranieri. Se venisse confermata la tendenza,...

Questo è il weekend in cui si decidono le due finaliste che si contenderanno lo scudetto. Nella sua semifinale, la Poderi dal Nespoli Softball Forlì riparte dall’1-1 con cui si sono concluse le prime due partite casalinghe contro Saronno. Era il risultato più pronosticato, e così è andata: meglio assortite le romagnole nel match dei lanciatori italiani, più forti al momento le varesine in quello dei pitcher stranieri. Se venisse confermata la tendenza, sarà inevitabile finire alla ‘bella’, la quinta e decisiva partita della serie. Al ‘Comunale’ di Saronno si partirà sicuramente con gara3 alle 17 e gara4 alle 19, per poi andare all’eventuale gara5 domani mattina alle 11. Nell’altra semifinale, dopo il primo posto della regular season la sorpresa Castelfranco è già stata ridimensionata dal Bollate, che si è portato sul 2-0 e ha tutte le intenzioni di chiudere i conti alla svelta.

La semifinale di andata ha confermato le certezze delle bianconere, ma anche alcuni dubbi sulla tenuta difensiva. Forlì sa di dover essere perfetta, altrimenti son dolori: il fatto che nella circostanza debba affrontare l’attacco probabilmente più temibile del campionato non toglie nulla alla sostanza della questione. Le forlivesi poi si aspettano molto anche dalla lanciatrice americana Samantha Sheeley, i cui progressi rispetto a un mese fa sono tangibili, eppure per il line up del Saronno non è ancora abbastanza, almeno sabato scorso non lo è stato.

All’attacco romagnolo invece si chiede ‘solo’ di confermarsi sui livelli correnti: come se fosse poco. Tutte sono in grado di battere, e di mettere pressione alla difesa del Saronno. Due istantanee in particolare servono meglio di tanti discorsi: il fuoricampo di Veronica Onofri, e la valida della ‘baby’ Alice Spiotta, ottenuta contro Kelly Barnhill, nientemeno. Forlì non avrà le statistiche, buone e indiscutibili, che accompagnano Saronno, ma la profondità del line up, la pericolosità dal primo all’ultimo dei battitori, sono un vantaggio che la Poderi dal Nespoli deve cercare di sfruttare.

In gara4 la sfida fra lanciatrici italiane Nicolini e Cacciamani. In serata toccherà alle americane, col confronto Barnhill e Sheeley. In caso di quinta partita non c’è nessun obbligo da rispettare: potrebbe quindi esserci un duello tra Barnhill e Cacciamani.