Quotidiano Nazionale logo
13 apr 2022

Strepitoso Malucelli: vince al giro di Sicilia pur senza squadra dopo il ‘niet’a Gazprom

Lo sprinter in gara con la maglia ‘azzurra’ concessa dal ct Bennati agli italiani rimasti a piedi per l’esclusione del team russo

ugo bentivogli
Sport
L’arrivo vittorioso del forlivese sul traguardo ieri di Bagheria
L’arrivo vittorioso del forlivese sul traguardo ieri di Bagheria
L’arrivo vittorioso del forlivese sul traguardo ieri di Bagheria

di Ugo Bentivogli

Trionfare senza una squadra. Vincere per se stessi e per il proprio futuro, ma anche per la maglia azzurra. Il ciclista professionista forlivese Matteo Malucelli ieri si è aggiudicato in volata la prima tappa del Giro di Sicilia, sfogando tutta la rabbia di una situazione che ha dell’assurdo. Infatti l’Uci, la Federazione Internazionale di Ciclismo, ha revocato la licenza della formazione russa Gazprom-Rusvelo – per i noti fatti bellici – e il forlivese si è trovato senza squadra, senza stipendio e, tra l’altro, nell’impossibilità di tesserarsi altrove sino a quando la stessa Uci non svincolerà d’ufficio gli atleti. E allenarsi soltanto non fa certamente bene ai ciclisti.

Così il ct della nazionale Italiana, Daniele Bennati, assieme alla Federciclismo, ha deciso di aiutare gli atleti che non potevano correre e non avevano alcuna certezza per il futuro. Bennati ha dato agli italiani del gruppo la possibilità di correre in maglia azzurra alcuni degli appuntamenti del calendario nazionale. Oltre a Malucelli, infatti, non è un caso che a indossare la maglia della Nazionale ci siano anche Alessandro Fedeli, ieri quarto in Sicilia, Giovanni Carboni, Christian Scaroni e Nicola Conci, tutti atleti che fino a qualche settimana fa erano portacolori della Gazprom-Rusvelo.

La prima tappa del giro in terra siciliana era di 199 chilometri, da Milazzo a Bagheria, interamente pianeggianti e chiusi in 4 ore e 21 minuti con una volata compatta di tutto il gruppo, sprint che ha visto il forlivese primeggiare su Matteo Moschetti della Trek Segafredo e Filippo Fiorelli della Bardiani Csf Faizanè. In virtù degli abbuoni, per Malucelli c’è anche la soddisfazione di essere la prima maglia Giallo Rossa – con 4’’ di vantaggio – del Giro di Sicilia anche se oggi, nella seconda frazione che parte da Palma di Montichiaro e arriva a Caltanissetta di 152 chilometri, l’ultima parte sarà davvero impegnativa e non sarà semplice per lui conservare la maglia del leader della corsa.

Matteo Malucelli, subito dopo l’arrivo e i festeggiamenti pieni di rabbia repressa ha detto: "È stata una giornata lunga, un successo che ci voleva e ne avevo proprio bisogno. È un periodo difficile, i miei compagni di team e io ci siamo trovati in una situazione complessa, ma questo risultato è il segno che ho lavorato bene durante l’inverno e anche in questo periodo l’ho fatto. Sono felicissimo e speriamo sia un nuovo punto di partenza".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?