"Fogne da rifare, si inizi a pensarci"

Il sindaco di Forlì, Gian Luca Zattini, ha discusso con il generale Figliuolo sulla sicurezza idro-geologica, i ristori per le famiglie colpite dall'emergenza e la ricostruzione della rete fognaria. Il sindaco ha ringraziato i quartieri per il loro sostegno.

Il sindaco Gian Luca Zattini ha ceduto subito la parola a Figliuolo: "È lui che volete ascoltare...". Non senza averne elogiato "il buon senso nell’interpretare norme complicatissime per dare quelle risposte che i cittadini si aspettano". La visita del generale è stata l’occasione per fare il punto: sono state 3.500 le domande per il Cis (5.000 euro di "immediato sostegno") e 1250 per il Cas (3.000 euro per chi ha dovuto abbandonare la propria abitazione). Numeri che, secondo Zattini, testimoniano che "in alcune zone la distruzione è stata totale". Ne ha approfittato, davanti a molti coordinatori, per ringraziare "i quartieri, punto di riferimento insostituibile durante l’emergenza".

A Figliuolo, il sindaco ha riportato che "la città chiede sicurezza": il riferimento era alla situazione idro-geologica in vista dell’inverno. Dunque, sono necessari "progetti certi e cronoprogrammi da parte della Regione e degli organi competenti". È stata anche l’occasione per toccare il tema, emerso anche nel consiglio comunale di lunedì, delle fogne:

"Iniziamo a ragionare con i gestori su un piano di ricostruzione della rete fognaria importante, perché il problema è strutturale e non determinato da interventi di pulizia". Infine, ha toccato il tema dei ristori: "Le famiglie sono la nostra priorità".