Il ’Geco di Portico’: arte pubblica e aperitivo a base di storie

Si concludono domani a Portico di Romagna le iniziative del progetto europeo ‘Where To - Verso dove?’ con animazione di piazza Marconi e l'Aperistorie del ‘Geco di Portico’. Artisti e storytellers promuovono la solidarietà civica e l'idea di comunità.

Il ’Geco di Portico’: arte pubblica e aperitivo a base di storie

Il ’Geco di Portico’: arte pubblica e aperitivo a base di storie

Si concluderanno domani a Portico di Romagna le iniziative del progetto europeo ‘Where To - Verso dove?’, a cura del Centro Italiano di Storytelling e della scuola primaria ‘Traversari’ di Portico.

Il programma si apre alle 18 con l’animazione di piazza Marconi e ‘il famoso Geco di Portico’, un Aperistorie per il programma di chiacchiere, storie, musica e aperitivo.

Avviano il circolo di storie Stefania Ganzini, Anna Facciani e Flavio Milandri, storytellers.

Agitano la scena culturale Luigi Impieri, artista, Domenico Bressan, fotografo, Giovanna Conforto, direttore creativo del Centro Italiano Storytelling. Spiega Flavio Milandri: "Il ‘Geco di Portico’, opera d’arte pubblica, ci invita ad agire con iniziative culturali come spazi condivisi, partecipati, vitali che, in mezzo a incertezze e crisi, rafforzino la solidarietà civica e l’idea di Europa e di comunità".

Il percorso progettuale e di lavoro narrativo tra storytelling applicato e ludopedagogia, trash art e spazio pubblico, vedrà poi nei mesi estivi il Centro Italiano Storytelling impegnato anche nel progetto ‘Kuunganisha’, storytelling e arti per il sociale e la cooperazione internazionale: gruppo di lavoro per la Tanzania (info: email info@centroitalianostorytelling.it).

q.c.