"Pochi fondi e priorità sbagliate"

Bertinoro, l’opposizione critica il bilancio: "La mancanza di risorse proprie impedisce la programmazione"

"Pochi fondi e priorità sbagliate"

"Pochi fondi e priorità sbagliate"

Critiche al bilancio di previsione per il prossimo triennio, approvato dal Comune di Bertinoro, si sollevano dagli scranni dell’opposizione che sottolinea come tale bilancio sia stato approvato con i soli voti di maggioranza. "Sinceramente non ci sentiamo di condividere i toni trionfalistici della maggioranza su un bilancio che denota le stesse criticità degli anni precedenti", spiegano i consiglieri del gruppo consiliare BartnOra, guidato da Barbara Asioli, che parlano di "somme contenute" per il welfare, aggiungendo che "la struttura comunale sempre più in difficoltà" e imputando il problema dei fondi in particolare alla "mancanza di risorse proprie che impediscono una pianificazione degli investimenti".

I consiglieri hanno poi specificato che i due cantieri della rotatoria di Panighina e della ristrutturazione della chiesina di Cerbiano siano, il primo "finanziato dalla Regione", mentre per il secondo "si è dovuto fare ricorso all’Art Bonus, quindi a fondi messi a disposizione da imprese e privati".

Inoltre, secondo i consiglieri di opposizione vi è una mancanza di priorità sui lavori da svolgere, portando come esempio un caso specifico: "i lavori per la messa in sicurezza dei golfi di fermata sulla via Emilia a Capocolle", andando poi a specificare un problema collaterale al dilatarsi dei tempi per il via ai cantieri, ovvero gli aumenti delle spese: "questa opera continuamente rinviata, ha visto lievitare il costo dei lavori in maniera spropositata, tant’è che ora si parla di circa 680.000 euro".

Soldi che dovranno essere reperiti. "Nel bilancio di previsione i lavori per i golfi di fermata di Capocolle sono previsti per il 2025 – spiegano i consiglieri di BartnOra entrando nel merito –, ma non appare, nel documento programmatico, un chiaro impegno dell’Amministrazione ad effettuare lavori, o almeno a ricercare i finanziamenti in maniera metodica e continuativa, che riguardano la sicurezza di una intera frazione". Suggerendo infine di organizzare la macchina comunale per poter andare a ricercare fondi per poter avviare tutti i progetti che servono alla comunità.

Matteo Bondi