Protezione civile: cucina mobile solidale

Dopo aver preparato centinaia di pasti per gli sfollati, l’associazione è ai fornelli anche all’Artusiana: l’intero ricavato va agli alluvionati

Protezione civile: cucina mobile solidale

Protezione civile: cucina mobile solidale

Centinaia di pasti sono usciti dalla cucina mobile della protezione civile di Forlimpopoli in occasione dell’alluvione che lo scorso mese ha colpito tutta la Romagna. E centinaia di piatti prelibati escono dalla stessa cucina in queste sere di Artusiana per allietare i tanti visitatori della manifestazione dedicata al padre della cucina italiana. Il ricavato di quanto l’associazione riuscirà a raccogliere in questi nove giorni di festa verrà destinato agli aiuti per gli alluvionati. Per questo motivo e in via del tutto eccezionale è stato concesso alla Protezione civile di portare la cucina mobile, invece di allestire lo stand, come è richiesto a tutti coloro che propongono la loro ristorazione. Un segno, anche visivo, di solidarietà e sensibilità nei confronti di quanti sono ancora in forte difficoltà a causa della calamità del 16 maggio. I volontari si dividono così tra coloro che ancora si muovono in direzione Forlì per andare a svuotare cantine dall’acqua molto alta che ancora sale dalla falda, spalare fango, ormai secco, coloro che presso la sede smistano i pacchi di generi di prima necessità che sono arrivati e coloro che preparano cucina e servizio per l’Artusiana.

Nelle scorse settimana la Protezione civile di Forlimpopoli ha distribuito, oltre al materiale donato dai tanti cittadini e dalle aziende, anche elettrodomestici acquistati con i propri fondi. Il menù proposto per le serate artusiane è: tagliatelle al ragù, ciambella, acqua e vino. Le materie prime sono state donate da ElfiFinPolo.

Matteo Bondi