FABIO GAVELLI
Economia

Ferretti: "Il gruppo continua a espandersi"

Il manager Alberto Galassi dopo l’annuncio dell’entrata in Borsa a Hong Kong: "Investiremo nell’innovazione e nella sostenibilità"

Migration

Forlì, 23 marzo 2022 - Sono giorni decisivi per l’operazione del gruppo Ferretti alla Borsa di Hong Kong. Il 30 marzo dovrebbero essere infatti annunciati il prezzo dell’offerta con l’esito del collocamento, mentre il debutto nel listino è atteso per il giorno seguente. Si profila dunque uno sbarco veloce nella Borsa dell’estremo Oriente, dopo che nel 2019 l’operazione non andò in porto a Piazza Affari.

Il colosso della nautica di lusso, con sede a Forlì, punta a raccogliere una somma complessiva che si avvicina ai 250 milioni di euro, il che porterebbe la capitalizzazione di mercato prossima al miliardo di euro. Continua dunque la fase espansiva per l’azienda che produce e vende motor yacht e barche a vela in tutto il mondo: dal 2015 ha ricevuto più di 80 premi anche in virtù dello stile made in Italy, assai apprezzato nel mondo globale dei brand di lusso.

Leggi anche: 

Approfondisci:

Ferretti: "Nessun nostro yacht bloccato agli oligarchi russi"

Ferretti: "Nessun nostro yacht bloccato agli oligarchi russi"
 - 
Approfondisci:

Salvi i lavoratori del cantiere Ferretti

Salvi i lavoratori del cantiere Ferretti

Lo sviluppo di nuovi modelli appare inarrestabile: fra quest’anno e il 2024 saranno ben 24 le barche varate da Ferretti. È in corso anche un processo di innovazione tecnologica che guarda anche all’utilizzo di materiali più moderni, come la fibra di carbonio che consente una riduzione di peso del 30% rispetto a modelli equivalenti.

«Proseguiamo nella nostra crescita in qualità di gruppo leader nella nautica di lusso – ha dichiarato ieri l’amministratore delegato Alberto Galassi – tramite l’innovazione, la sostenibilità e i risultati economici – . Continueremo a investire in modo significativo in ricerca e sviluppo per lanciare una serie di nuovi modelli ogni anno, ampliando ancora il portafoglio prodotti per soddisfare le esigenze di un mercato in rapida evoluzione: è ciò che si aspettano i nostri clienti".

Galassi, che di recente ha detto che la maggioranza delle azioni non sarà mai venduta (l’86% appartiene al gruppo Weichai), ha inoltre sostenuto che "l’attenzione è rivolta allo sviluppo continuo di nuovi modelli all’avanguardia, con l’obiettivo di essere protagonisti nel segmento più redditizio del mercato. Esploreremo anche nuove opportunità nei servizi accessori come il brokeraggio, il noleggio e le attività di estensione del marchio".