Imola, 31 maggio 2015 - Il PalaRuggi è tabù per la promozione diretta in serie B. La Virtus Imola ora avrà l’occasione di centrarla sabato prossimo nello spareggio di San Vincenzo in Versilia, i gialloneri affronteranno Scafati. Una finale stregata: San Miniato, la grande favorita del girone non ha concesso sconti. E’ stata una partita tirata, sofferta, giocata sempre punto a punto dalle due contendenti, l’hurrà finale è stato per gli ospiti che hanno preso l’ascensore per il piano di sopra. Un match combattuto, tosto, non bellissimo da vedere con le difese che hanno la meglio sugli attacchi.

Il salto di categoria si decide nell’ultimo quarto, i padroni di casa sbagliano tanti, anche gli arbitri a dire il vero, San Miniato è fredda dalla lunetta e nei momenti che contano, quando i nervi tengono arriva sempre qualcosa di buono e per i toscani è festa fra gli applausi del pubblico di casa.

Ora però gli imolesi potranno riscattarsi nell’esame di riparazione, sabato prossimo la sfida contro Scafati, un ostacolo quasi insormontabile, ma la Virtus di quest’anno ha abituato tutti ai miracoli quando è stata con le spalle al muro.

61-68

NPC IMOLA: Pieri 3 , Dall’Osso 2, Morara 5, Grillini, Di Placido, Corcelli 13, Massari 2, Guglielmo 7, Francesconi 6, Porcellini 23. All.: Alberto Alfieri – Carlo Marchi.

SAN MINIATO: Meucci A. 6, Stefanelli 13, Zita 10, Bertolini 18, Parrini, Castellacci, Meucci F. 6, Baldi , Susini 10, Doveri 5. All.: Federico Barsotti .

Arbitri: Francesco Lucci e Federico Berger Note.

Parziali: 16-20, 34-32, 51-51