Dozza, 29 agosto 2018 – Alto quasi quattro metri, lungo nove, con un’apertura alare di dieci, il drago Fyrstan finalmente sta per svegliarsi dopo un lungo sonno di due anni. Il 22 e 23 settembre, in occasione della Biennale Fantastika di Dozza, il drago aprirà gli occhi per la gioia di grandi e piccini e il suo sguardo infuocato porterà numerose novità.

Dopo il grande successo della terza edizione del 2016, che ha attirato oltre 4mila visitatori nella Rocca sulle colline dell’Imolese, quest’anno Fantastika fa un ulteriore salto di qualità estendendo le proprie attività a tutto il borgo medievale: attraverso l’acquisto di un braccialetto con validità giornaliera, quest’anno sarà possibile accedere alla Rocca, ma anche al nuovo centro studi tolkieniani ‘La tana del drago’ e al teatro comunale, che completeranno l’offerta ludico/culturale con workshop, conferenze, artist desk, artigiani, librerie specializzate e mostre d’arte.

Quest’anno i numeri di Fantastika sono impressionanti: 200 persone le coinvolte nella manifestazione, con la partecipazione come moderatore del direttore generale di Lucca Crea (Lucca comics and Games) Emanuele Vietina, del pluripremiato regista di film d’animazione Francesco Filippi, ma soprattutto dei 30 illustratori che espongono la loro arte nella Rocca sforzesca e nel centro studi tolkieniani di Dozza.

Ecco l’elenco completo: Michele Rubini, Edvige Faini, Dany Orizio, Angelo Montanini, Paolo Barbieri, Alberto Dal Lago, Maria Distefano, Emanuele Manfredi, Andrea Piparo, Fabio Porfidia, Livia de Simone, Riccardo Rullo, Andrea Gualandri, Davide Romanini, Lucio Parrillo, Valeria De Caterini, Stefano Bessoni, Arcangelo Ambrosi, Stefano Moroni, Jesper Ejsing ,Karl Kopinski, Michele Giorgi, Antonello Venditti.