Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Imola, il discusso Young Signorino arriva in città

Appuntamento con “il Marilyn Manson italiano” il 7 giugno alla Vie en Rose

Ultimo aggiornamento il 1 giugno 2018 alle 15:07
La locandina che pubblicizza l'evento con Young Signorino

Imola, 1 giugno 2018 – Dopo il concerto saltato a Roma, e quello andato in scena a Padova con tanto di battibecco con uno spettatore che aveva lanciato un bicchiere sul palco, il discusso Young Signorino, all’anagrafe Paolo Caputo, approda in città.

Il rapper 19enne di Cesena, interprete di quella musica trap dai testi oscuri e minacciosi, è atteso infatti giovedì 7 giugno alla Vie en rose per l’High school musical summer party.

L'INTERVISTA / Young Signorino, meteora del web

Ma chi è, davvero, Young Signorino? Impossibile chiederlo a Wikipedia, visto che – come recita l’annuncio pubblicato sulla più popolare enciclopedia online – la pagina che lo riguarda “è protetta e non può pertanto essere creata”. Lui stesso definisce “figlio di Satana”, o “il Marilyn Manson italiano” e racconta di aver rischiato la morte per overdose di psicofarmaci.

I testi delle sue canzoni non paiono avere un significato preciso, ma intanto il video di ‘Mmh ha ha ha’, su YouTube, ha già collezionato oltre 13,5 milioni di visualizzazioni in meno di due mesi. Con quali esiti? Centoquarantacinquemila ‘mi piace’, ma soprattutto quasi 400mila pollici in giù. Lo si ama, dunque, Young Signorino; ma soprattutto lo si odia.
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.