Quotidiano Nazionale logo
4 mar 2022

"Abbassiamo la Tari alle nuove imprese"

Il gruppo di opposizione ‘Prima Castello’ presenta una proposta per sostenere la tenuta del tessuto economico, occupazionale e sociale

Giovanni Bottiglieri e Luca Morini di ‘Prima Castello’, gruppo consiliare di opposizione
Giovanni Bottiglieri e Luca Morini di ‘Prima Castello’, gruppo consiliare di opposizione
Giovanni Bottiglieri e Luca Morini di ‘Prima Castello’, gruppo consiliare di opposizione

Un ordine del giorno composto da venti punti per dare un sostegno con azioni concrete alla tenuta dell’assetto economico, occupazionale e sociale di Castel San Pietro Terme. A presentarlo è il gruppo consiliare d’opposizione Prima Castello, con firma del capogruppo Luca Morini e di Giovanni Bottiglieri, che lo porterà sui tavoli del prossimo consiglio comunale esponendo dunque una serie di interventi "che riteniamo debbano acquisire centralità o richiedano maggior attenzione e priorità da parte di questa amministrazione nell’attuale contesto storico". Tra i venti punti dell’odg si chiede un’accelerazione "per la realizzazione delle rotatorie all’uscita della A14 e all’intersezione tra viale Roma, via Emilia e via Cova", cui segue la richiesta dell’ "attivazione di una più marcata politica di riconduzione dei prodotti unici del nostro territorio al loro luogo di origine, per restituire centralità ai produttori, valorizzando la qualità delle produzioni". Nel punto 4 si propone una "ricognizione capillare di dati sulle attività locali e sulle loro esigenze per garantire progetti e bandi davvero mirati in termini di utilità concreta e con il minor tasso possibile di aleatorietà ed impegno evitabile di risorse pubbliche"; segue una richiesta di "più sostegno e incentivazione in generale per le nuove realtà imprenditoriali di qualunque dimensione" che deve includere, secondo Prima Castello, anche "scontistica Tari (…) per le imprese che si insedino stabilmente sul nostro territorio, offrendo valore ed occupazione". E se la riqualificazione del centro deve secondo il gruppo prevedere un "ripensamento complessivo dell’area che parta dalla centralità di una Piazza XX Settembre che può essere notevolmente e permanentemente abbellita e resa fruibile", un intervento di riqualificazione deve toccare anche "il centro di Osteria Grande", senza tralasciare la "valorizzazione anche dei laghi principali del territorio, Scardovi e Mariver (protezione argini, qualità dell’acqua, illuminazione serale)". Prima Castello chiede anche "più attenzione alle nostre strade, ai marciapiedi ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?