MATTIA GRANDI
Cronaca

Alluvione Emilia Romagna, Piero Pelù al lavoro sulla ciclovia. “Mai visto niente di simile”

Il cantante ha aiutato i volontari a spostare tronchi e arbusti dal percorso in riva al Santerno. L’ex frontman dei Litfiba sostiene la raccolta fondi del Gruppo Monrif: "Aiutiamo la Romagna"

Imola, 24 maggio 2023 – Dalle parole ai fatti con la solidarietà nel cuore. Giornata di lavoro nella vallata del Santerno per Piero Pelù. Il rocker toscano, che nei giorni scorsi ha postato sui social diversi messaggi di vicinanza alle persone delle zone colpite dalla calamità in Romagna, è passato all’azione. Giunto nella prima mattinata di ieri al municipio di Borgo Tossignano, da settimane Centro di coordinamento sovracomunale di Protezione Civile, l’ex voce dei Litfiba ha incontrato alcuni sindaci del territorio con cui è andato in diversi punti franati tra le colline. Prima nelle vie Siepi di San Giovanni e Montanara Sud, tra Borgo Tossignano e Fontanelice, a pochi passi dall’enorme cratere creato dalle forti piogge di inizio mese.

Approfondisci:

Alluvione in Emilia Romagna, la nostra raccolta fondi per un aiuto immediato. Ecco l’Iban per la donazione

Alluvione in Emilia Romagna, la nostra raccolta fondi per un aiuto immediato. Ecco l’Iban per la donazione

Poi a visionare quella frattura che tiene in scacco una parte della comunità ‘Il Sorriso’ in via Torre a Fornione. "È un quadro devastante, non ho mai visto nulla di simile nella mia vita – dice Pelù –. Interi versanti rovinati a valle per centinaia di metri con spessori di tre o quattro. Come vedere un ghiacciaio che si sgretola. Il disastro sull’Appennino è come uno tsunami sommato a un terremoto. Il problema ora diventa il frazionamento delle comunità: contadini, allevatori, piccole borgate che rischiano l’isolamento. Per questo i romagnoli vanno sostenuti nell’immediato con aiuti mirati e non sparati nel mucchio. Occorre un intervento statale molto serio perché si parla di 8 miliardi di danni".

Un dramma vissuto sempre con grande dignità: "Gente che stringe i denti senza perdere mai il sorriso – aggiunge Pelù –. Non lasciamoli soli". Poi l’adesione alla raccolta fondi lanciata dal gruppo Monrif (è possibile donare tramite bonifico al conto corrente bancario ‘Editoriale Nazionale Srl – Un aiuto per l’Emilia Romagna’ – IBAN IT23 M 05387 02411 000003844487. Per chi volesse contribuire dall’estero vale lo stesso Iban ma bisogna aggiungere anche il codice Bic/swift: BPMOIT22XXX). "Un’ottima iniziativa, tutti dobbiamo aiutare la Romagna", conclude Pelù.

Un pranzo veloce all’altezza del centro sportivo borghigiano, tra gli stand della Festa del Tortellino, insieme a volontari, militari, vigili del fuoco, protezione civile e forze dell’ordine poi di corsa in riva al Santerno. Guanti, scarponi e strumenti di lavoro per rimuovere da quello che resta della ciclovia enormi tronchi e arbusti disseminati dalla furia della corrente. Tre ore di lavoro con cantonieri e volontari. Sceso dai monti, Pelù ha fatto una rapida visita anche a Castel Bolognese. Infine, una sosta alla cantina Ca’ Lunga di Paolo Casetta dove ha autografato cento bottiglie di Albana ‘Solo Lei’ che l’azienda metterà in vendita con intero incasso devoluto ai quattro municipi valligiani.

red. cro.