Gli operai al lavoro per installare la barriera anti-rumore nel tratto di. via dei Colli
Gli operai al lavoro per installare la barriera anti-rumore nel tratto di. via dei Colli
di Enrico Agnessi La corsa contro il tempo, rallentata dalla pandemia, pare proprio essere stata vinta. Anche se soltanto al fotofinish. La nuova barriera anti-rumore finanziata dal Con.Ami, nel tratto di via dei Colli che corre all’interno dell’Autodromo, sarà pronta per il Gran premio di Formula 1 del 16-18 aprile. Lo ha annunciato ieri, a margine della conferenza stampa di presentazione di una serie di iniziative legate alla sostenibilità del circuito, Fabio Bacchilega, il presidente del Consorzio pubblico al quale il Comune ha affidato negli anni scorsi l’impianto intitolato a Enzo e Dino Ferrari. "Vedremo la barriera ultimata nei prossimi giorni – ha assicurato Bacchilega –. È iniziato...

di Enrico Agnessi

La corsa contro il tempo, rallentata dalla pandemia, pare proprio essere stata vinta. Anche se soltanto al fotofinish. La nuova barriera anti-rumore finanziata dal Con.Ami, nel tratto di via dei Colli che corre all’interno dell’Autodromo, sarà pronta per il Gran premio di Formula 1 del 16-18 aprile. Lo ha annunciato ieri, a margine della conferenza stampa di presentazione di una serie di iniziative legate alla sostenibilità del circuito, Fabio Bacchilega, il presidente del Consorzio pubblico al quale il Comune ha affidato negli anni scorsi l’impianto intitolato a Enzo e Dino Ferrari.

"Vedremo la barriera ultimata nei prossimi giorni – ha assicurato Bacchilega –. È iniziato il montaggio dei vetri, mentre le strutture in ferro erano già state installate la settimana scorsa. C’era l’impegno di arrivare pronti per il ritorno della Formula 1 e non far vedere un cantiere aperto, ma ultimato". Come ricordato dal presidente del Con.Ami, l’idea è quella di andare avanti sulla strada degli interventi di ‘mitigazione acustica passiva’. "Allo studio ci sono altre barriere, una in particolare è in fase di progettazione", ricostruisce Bacchilega in riferimento al già annunciato interventoche il Consorzio è intenzionato a portare avanti, d’accordo con la Giunta, in via Malsicura. "L’Autodromo con i suoi eventi internazionali deve essere un traino – conclude il presidente del Con.Ami – per lo sviluppo economico di tutto il territorio del Consorzio".

Al termine della conferenza stampa, Bacchilega e il sindaco Marco Panieri hanno compiuto un sopralluogo in zona, poco dopo l’uscita della Variante alta, dove come detto gli operai sono al lavoro ormai da due mesi (l’obiettivo finale era quello di finire entro il 31 marzo) nel cantiere affidato all’impresa Nuova Via di Salerno. "Prosegue lo sforzo, insieme al Con.Ami e agli enti che collaborano, per rendere il nostro Autodromo più sostenibile nella sua attività e più integrato con tutte le sensibilità di Imola", commenta via social il primo cittadino.

Va detto che l’arrivo della nuova barriera tra la carreggiata della strada e la recinzione della pista, un manufatto in vetro e acciaio lungo 186 metri e alto 5,5 per un investimento da circa 260mila euro, si annuncia tutt’altro che decisivo per la risoluzione dei contenziosi sul rumore. I residenti hanno infatti già manifestato da tempo tutte le loro perplessità per l’arrivo di un’opera accusata di abbassare soltanto di pochi decibel, e solo per poche abitazioni, l’impatto acustico prodotto dall’attività del tracciato.

Nonostante questo, il progetto della Giunta è quello di valutare ulteriori interventi di con le risorse messe a disposizione di Con.Ami con il piano triennale degli investimenti 2021-2023. In questo senso, oltre ai 260mila euro per via Dei Colli, ne sono previsti altri 200mila sempre per interventi anti-rumore e ulteriori 300mila negli "investimenti immobiliari dell’asset" da impiegare eventualmente anche con le azioni di limitazione delle emissioni acustiche.

Venendo invece ai cosiddetti interventi di ‘mitigazione attiva’ da parte di Formula Imola, società partecipata al 100% dal Con.Ami e al quale il Consorizo ha affidato la gestione dell’attività di pista dell’Enzo e Dino Ferrari, nell’ultimo verbale del tavolo tecnico sul rumore che si è riunito in Comune si parla dell’adozione di un regolamento interno per "meglio garantire" da un lato il rispetto delle normative di settore e dall’altro "l’effettiva applicazione delle buone prassi gestionali".